menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Provincia presenta il progetto contrasti: 10 eventi fuori dal Comune

Caserta - E' tutto pronto per la presentazione del progetto "Contrasti", il cui programma verrà illustrato alla stampa oggi, 9 dicembre, alle ore 12 presso la sala Giunta della Provincia in corso Trieste. Un festival di livello internazionale, che...

E' tutto pronto per la presentazione del progetto "Contrasti", il cui programma verrà illustrato alla stampa oggi, 9 dicembre, alle ore 12 presso la sala Giunta della Provincia in corso Trieste. Un festival di livello internazionale, che farà incontrare e dialogare grandi artisti di generi, culture e religioni diverse. I protagonisti della rassegna faranno "parlare" i contrasti intesi come confronti destinati ad arricchire reciprocamente le rispettive esperienze. La Provincia si pone come ponte, come ente promotore e coordinatore dell'iniziativa, coinvolgendo i Comuni e unendo le varie realtà territoriali in un unicum, dai centri urbani più popolosi fino ai borghi più rappresentativi di Terra di Lavoro.
E infatti, nel periodo che va dal 16 dicembre al 6 gennaio, 7 Città della provincia di Caserta (Caserta, Aversa, Capua, Marcianise, Casagiove, Santa Maria Capua Vetere, Sessa Aurunca) adotteranno - non solo idealmente - 7 Borghi della stessa provincia (Casertavecchia, Alife, Castelmorrone, Caiazzo, Formicola, Pietravairano, Rocca d'Evandro) nel quadro di una serie di "eventi - ponte" tra le diverse realtà con il preciso intento di sviluppare il tema dei "Contrasti" all'interno di un progetto artistico unitario e unificante. A queste località se ne aggiungeranno altre due (Mondragone, Santa Maria a Vico) che diventeranno "luoghi ritrovati" per due diversi eventi di confine oltre il confine.
Proprio a tal proposito spicca l'evento del 26 dicembre, già ribattezzato come "Il Natale delle Religioni", in programma a Mondragone. Alle ore 19, presso la Cattedrale cattolica della città, si parleranno, attraverso i canali della letteratura, dell'arte e della musica, le tre religioni monoteiste: Ebraismo, Cristianesimo e Islam. Un evento, questo, che si svolgerà in una terra di confine quale è Mondragone e vedrà la partecipazione di artisti di caratura internazionale, che si produrranno in questo stimolante confronto di culture e religioni.
Nel corso della conferenza stampa di oggi verrà presentato il cartellone della manifestazione, che prevede 10 eventi "fuori dal Comune" in provincia di Caserta, in cui saranno impegnati, in una insolita e irrituale "doppia tappa", esponenti di primo piano del mondo della musica e del cantautorato italiano, chiamati a "passarsi parola" nel corso di concerti ed esibizioni di taglio acustico e che diventeranno essi stessi testimoni di un legame tra un Borgo ed una Città che l'evento stesso consolida e rilancia.

Una sorta di "adozione" che la Città compie nei confronti del Borgo e che si suggella attraverso una serie di "manifestazioni - abbraccio" che la "Provincia che unisce" promuove con senso di prospettiva e continuità.L'obiettivo della manifestazione è avvicinare tra loro i tempi (intesi come ritmi, melodie, ma anche epoche e radici diverse) ai testi (di generi e latitudini estreme) e ai pensieri (di luoghi e ceppi lontanissimi).Ogni occasione di spettacolo sarà trasformata in un confronto di idee ed esperienze, dando luogo ad un dialogo da esplicitarsi anche attraverso una contaminazione di generi artistici. Si mescoleranno, ad esempio, musica d'autore e scienza, filosofia e jazz.Sono molti gli artisti di grande caratura che hanno aderito al Festival, a partire da Lucio Dalla e Fiorella Mannoia.
Alla conferenza stampa di domani saranno presenti il presidente della Provincia di Caserta, Domenico Zinzi, e il direttore artistico di "Contrasti", Casimiro Lieto. "La Provincia di Caserta - ha spiegato il presidente Zinzi - si è fatta promotrice di un'attività di coordinamento tesa a valorizzare e rilanciare le risorse di un territorio come il nostro, che è tanto variegato quanto ricco di bellezze paesaggistiche, artistiche, architettoniche e museali. Il progetto "Contrasti", grazie all'originalità della formula e alla grandissima qualità degli artisti coinvolti, rappresenta una formidabile occasione di rilancio per la nostra provincia. A tal proposito, abbiamo chiesto anche al cinema di dare il suo contributo di prospettiva: attraverso una serie di immagini in pellicola, i Borghi rivivranno all'interno di visioni e soggettive d'autore particolarmente originali".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento