menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20101014075352_meleagro

20101014075352_meleagro

Convegno 'Scienze naturali e archeologia' 14 ottobre 2010 Museo Archeologico

Napoli - Gli Scavi di Pompei, che sono da 250 anni area demaniale protetta, conservano e proteggono specie botaniche ormai estinte anche nel Parco Nazionale del Vesuvio per effetto delle modifiche ambientali e del trasformarsi delle cave in...

Gli Scavi di Pompei, che sono da 250 anni area demaniale protetta, conservano e proteggono specie botaniche ormai estinte anche nel Parco Nazionale del Vesuvio per effetto delle modifiche ambientali e del trasformarsi delle cave in discariche. I risultati degli studi sulla flora vesuviana condotti dal Laboratorio di Ricerche Applicate della SANP, diretto da Annamaria Ciarallo, sono al centro del convegno "Scienze naturali e archeologia. Il paesaggio antico: interazione uomo/ambiente ed eventi catastrofici" che si apre domani al Museo Archeologico Nazionale di Napoli.

'Se gli scavi di Pompei sono quindi diventati rifugio per una flora altrove scomparsa - spiega Annamaria Ciarallo - è stato sopratutto grazie all'attenta gestione del verde che, cominciata con la bonifica delle infestanti voluta dal Soprintendente Conticello, è stata perseguita dal suo successore, prof. Pietro Giovanni Guzzo: essa ha permesso non solo di recuperare il patrimonio verde dell'antica Pompei, ma anche di salvare molte specie ormai rare e altrove estinte"
Il convegno è organizzato dalla Soprintendenza Speciale per i Beni archeologici di Napoli e Pompei in collaborazione con l'Università degli Studi del Sannio di Benevento, ed è patrocinato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dalla Facoltà di Scienze MM.FF.NN, dal Dipartimento di Studi Geologici e Ambientali, dall'Università degli studi "Federico II" di Napoli e dal Ministero per l'Ambiente, Parco Nazionale Appennino Lucano. La giornata di apertura sarà presieduta dal Prof. Angelo Guarino, Presidente del Comitato Nazionale Beni Culturali del CNR.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento