menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20100803073639_ingresso

20100803073639_ingresso

Il Matrimonio Medievale fra Antonio Coppola e Marinella Rufolo

Scala - Giovedi 5 agosto è un grande giorno a Scala: si celebra l'amore. Andrà in scena infatti la rievocazione storica del matrimonio tra Antonio Coppola e Marinella Rufolo, rito avvenuto verso la metà del 1300 e considerato allora "il Matrimonio...

Giovedi 5 agosto è un grande giorno a Scala: si celebra l'amore. Andrà in scena infatti la rievocazione storica del matrimonio tra Antonio Coppola e Marinella Rufolo, rito avvenuto verso la metà del 1300 e considerato allora "il Matrimonio del Secolo". Lo sposo sarà interpretato dall'attore Giuseppe Pisacane mentre la sposa sarà Francesca Faratro, sedicenne di Amalfi, selezionata per l'occasione da un'apposita giuria tra numerose ragazze della costiera. Alle ore 20,00 un corteo storico con oltre 200 figurati in costume d'epoca partirà da Villa Rufolo a Ravello, facendo rivivere uno spaccato d'epoca di grande suggestione grazie ad una messa in scena teatralizzata, fino ad arrivare a Scala, all'interno del Duomo di San Lorenzo, dove alle 21,00 si celebrerà il matrimonio. Per ricordare e rievocare un evento che ha segnato un'epoca, rafforzando il prestigio e l'immagine di Scala, prova ne è che alle nozze, officiate con enorme sfarzo fra il tripudio di fiori ed arazzi, prese parte anche la Regina Giovanna I. Ancor più sentito perché il matrimonio tra i due giovani rampolli delle nobili famiglie, nato come unione dettata dalle ragioni del potere, ben presto si trasformò in un grande storia d'amore, allietata dalla nascita di tre figli maschi. Una felicità purtroppo non lunga perché condizionata da ragioni politiche. Con i Coppola e i Rufolo schierati su fronti opposti, Marinella, infatti decise comunque di sostenere il marito affrontando così un tragico epilogo: Antonio e il figlio Aniello poco tempo dopo furono uccisi da sicari nemici mentre Marinella restò eroicamente fedele al consorte anche dopo la sua scomparsa. La regia della serata sarà di Alfonso Mansi, con la partecipazione degli attori Enzo Oddo, Enzo del Pizzo e Chiara Taiani. Gli allestimenti scenografici e i costumi saranno a cura dei cittadini di Scala. A seguire, dalle ore 21,45, in piazza Municipio la festa continua con il banchetto nuziale, la degustazione di prodotti enogastronomici medievali, i balli dell'epoca a cura dell'Associazione Il Contrapasso, spettacoli e musica, tra ambientazioni ricercate, artisti di strada, ed esibizioni del gruppo di sbandieratori "Marino Marzano", i Sagittari Civitates Eburi, e della Compagnia della Rosa e della Spada. Tra i protagonisti della manifestazione da citare anche lo scrittore Antonio Scurati che leggerà, martedì 3 agosto, "Storie del Medioevo passato e futuro". In conclusione una manifestazione con tanti momenti culturali e spettacolari, fino al gran finale il 6 agosto (ore 21.30), con lo spettacolo di Michele Placido, che in sintonia col tema dell'evento, reciterà brani tratti dal Cantico dei Cantici e l'Inferno di Dante, in una serata dal titolo "Amor, c'ha nullo amato?.amar perdona", avente per cornice la spettacolare e suggestiva atmosfera dei ruderi della Basilica di Sant'Eustachio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento