menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

'Mozart guaglione', progetto sociale per rivalutare la zona di San Giovanni a Carbonara

Napoli - Presentato all'albergo Palazzo Caracciolo a S. Giovanni a Carbonara il progetto MOZART Guaglione e l'evento in programma il 20 giugno, che rappresenta il prologo delle manifestazioni che si svolgeranno nel mese di maggio e giugno dal 2011...

Presentato all'albergo Palazzo Caracciolo a S. Giovanni a Carbonara il progetto MOZART Guaglione e l'evento in programma il 20 giugno, che rappresenta il prologo delle manifestazioni che si svolgeranno nel mese di maggio e giugno dal 2011 in poi, per celebrare il musicista austriaco che soggiornò nella città partenopea, negli stessi mesi del 1770, quando fu ospite del Convento di S. Giovanni a Carbonara.
Il progetto MOZART Guaglione nasce da un'idea di Fiammetta Greco dell'Associazione Fondazione Neuhaus e Dario Cusani della Fondazione G.L. Cusani, entrambi animatori di progetti rivolti alla cultura quale mezzo indiscusso per la formazione e integrazione sociale dei giovani e che hanno illustrato sia le tappe della giornata di domenica 20 giugno, sia le iniziative che si svilupperanno per la realizzazione del progetto completo che partirà il prossimo anno. Con loro anche il direttore artistico Valerij Voskobojnikov e il parroco della parrocchia di S. Giovanni a Carbonara, don Ciro.
Un progetto nato per la riqualificazione del territorio dando possibilità concrete di crescita a quartieri ricchi di storia e di siti stupefacenti come la basilica di San Giovanni a Carbonara, scrigno, unico al mondo, di rare bellezze architettoniche Gotico - Medievali.
"L'idea di promuovere il territorio - ha dichiarato Fiammetta Greco - e il patrimonio storico e culturale sfruttando la visita del musicista austriaco Wolfgang Amadeus Mozart a Napoli mi è venuta in seguito alla lettura delle Lettere di Mozart, scoprendo che, nelle sei settimane di permanenza era stato ospite proprio nel Convento di S. Giovanni a Carbonara. L'iniziativa dell'associazione Fondazione Neuhaus della quale sono presidente, ha l'intenzione di promuovere l'intera zona napoletana anche dal punto di vista turistico, offrendo spunti ai visitatori stranieri e non, per visitare un'area della città che oggi è fuori dai consueti itinerari turistici cittadini e con il particolare intento di promuovere l'architettura gotico medievale di S. Giovanni a Carbonara".
Un'idea che ha trovato subito l'appoggio del quartiere che ha recepito l'importanza dell'iniziativa tanto che nella scuola elementare Bovio i ragazzi, già molto interessati alla riqualificazione dei beni architettonici del quartiere, parteciperanno all'iniziativa "La musica va a scuola", grazie alla collaborazione della preside Anna Rita Quagliarella.
"Sono particolarmente felice di partecipare a questo progetto - ha dichiarato Dario Cusani della Fondazione G.L. Cusani - perché ho potuto aderirvi con una doppia veste: partecipando all'iniziativa di Fiammetta Greco come artista, avendo ideato il nome ed il logo dell'evento e affiancando l'idea di Mozart Guaglione con la fondazione che presiedo, portando l'esperienza del progetto la Musica va a scuola partita lo scorso anno a Roma, in scuola di periferia (la Basile sulla Casilina a Torre Angela) alla scuola elementare Bovio di via Carbonara ".

L'evento di domenica 20 giugno si sviluppa in un percorso guidato con stazioni musicali durante il quale si alternano concerti con musiche di Mozart anche sacre e antica musica napoletana, letture di Testi Sacri e visite monumentali attraverso i luoghi in cui soggiornò Wolfgang Amadeus Mozart appena quattordicenne, ma già celebre per la sua musica. Dopo la cerimonia di apertura, prevista alle ore 18.30, all'albergo Palazzo Caracciolo, che supporta l'iniziativa ospitando tutti gli artisti che interverranno, avrà inizio il percorso in via San Giovanni a Carbonara con le varie stazioni musicali.
Nel giro di poco più di cento metri si assisterà alla lettura di un testo sacro nella Cappella detta Pietatella, per poi ascoltare un brano di musica sacra nella Cappella di Santa Monica. Il percorso attraversa, quindi, la Cappella Caracciolo del Sole e Cappella Caracciolo di Vico con l'accompagnamento di Antica Musica Napoletana per raggiungere la Basilica di S. Giovanni a Carbonara dove verranno eseguite musiche di W.A.Mozart. Il tragitto attraversa, poi, la Cappella Somma del Colle per una visita e l'illustrazione del Monumento dei Miroballo.Si esibiranno il coro polifonico della Parrocchia di S. Giovanni a Carbonara diretto dal maestro Lucio Vitiello, Luciano Liguori e Valter Marra alla chitarra, Marisa Tanzini al pianoforte ed il quartetto Phoenia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

social

Un grave lutto colpisce il pizzaiolo Francesco Martucci

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Tasso positività schizza al 14%, nel casertano 276 nuovi casi

  • Attualità

    Ergastolo ostativo cancellato. "Così la camorra ha vinto"

  • Cronaca

    Contagi troppo alti, scuole chiuse un'altra settimana

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento