menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Esce il libro di Palmesano Gianfranco Fini Sfida a Berlusconi

Pignataro Maggiore - La sfida di Gianfranco Fini a Silvio Berlusconi, lanciata clamorosamente in diretta tv alla Direzione nazionale del Pdl il 22 aprile 2010, viene da lontano: l'antiberlusconismo di destra, infatti, nasce e si sviluppa...

La sfida di Gianfranco Fini a Silvio Berlusconi, lanciata clamorosamente in diretta tv alla Direzione nazionale del Pdl il 22 aprile 2010, viene da lontano: l'antiberlusconismo di destra, infatti, nasce e si sviluppa parallelamente all'antiberlusconismo di sinistra, seppure con le note ambiguità e contraddizioni. E' uno dei temi del libro di Enzo Palmesano, pubblicato da Aliberti editore, "Gianfranco Fini - Sfida a Berlusconi", che racconta in maniera non convenzionale, provocatoria e con voluti paradossi, la parabola politica di Gianfranco Fini, dall'almirantismo senza Almirante al recupero di parole d'ordine che nel partito del neofascismo italiano appartenevano ai suoi avversari Pino Rauti e Beppe Niccolai. Nella battaglia in atto nel Pdl, non a caso, gli ex almirantiani sono schierati contro l'ex leader di An mentre gli ex rautiani si presentano come i più combattivi sostenitori del finismo.Il percorso di Gianfranco Fini, teso ad accreditare sullo scenario politico la presenza di una "destra dei diritti", sensibile alle attese degli immigrati e delle persone omosessuali, ha aperto al presidente della Camera dei deputati canali di dialogo, anche a sinistra, con ambienti insospettabili e finora sospettosi nei confronti dell'ex capo del Msi-Dn. Resta da capire se il gioco del continuo "spariglio", in polemica con il premier e con la Lega Nord (con il rifiuto della xenofobia e con un inedito, laico e repubblicano patriottismo costituzionale) sia destinato a restare nell'alveo tattico del "fascismo immaginario" o se ci troviamo alla vigilia di qualcosa di strategicamente e completamente nuovo. Gianfranco Fini ha, rispetto a Berlusconi, uno svantaggio enorme, non solo in termini di potere economico, politico e mediatico. In Italia la destra deve fare i conti con il fardello della storia, essendo erede del fascismo e della Repubblica di Salò; niente a che vedere con la Francia dove la destra di Sarkozy è figlia del gollismo e è quindi nata dall'antifascismo e dalla Resistenza. Svantaggio aggravato dagli errori di Fini, come quello di non aver mai voluto cancellare la nostalgica Fiamma fascista dal simbolo del partito di cui era il capo indiscusso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento