menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Libreria Uthpia di Capua compie ventanni

Capua - Nel lontano 1990 quattro amici innamorati della lettura diedero vita ad un sogno. In una città culturalmente sopita, con tanti "bar dello sport" ma priva di qualsiasi forma di più "elevato" ritrovo, in barba ad ogni pregiudizio e contro...

Nel lontano 1990 quattro amici innamorati della lettura diedero vita ad un sogno.
In una città culturalmente sopita, con tanti "bar dello sport" ma priva di qualsiasi forma di più "elevato" ritrovo, in barba ad ogni pregiudizio e contro ogni logica commerciale, con impertinente e arrogante vagito vide la luce in via Seggio dei Cavalieri, la libreria Uthòpia.
Erano anni in cui a Capua l'interesse per le diverse forme di "cultura" era patrimonio di una ristretta se pur qualificata èlite. Eppure l'impegno e la passione di questi quattro amici fu il volano che via via coinvolse sempre più giovani. Dopo soli due anni di attività, infatti, il "progetto" ebbe una notevole impennata con la nascita dell'omonima associazione culturale. Grazie al contributo di un gruppo sempre più numeroso di sostenitori, entusiasti e fattivi, si moltiplicarono attività e appuntamenti che contribuirono non poco al risveglio culturale della città. "Formidabili quegli anni"? di grande fervore in cui si alternarono senza soluzione di continuità, presentazioni di libri, convegni, forum, incontri che portarono sulle rive del Volturno i più importanti scrittori e le più autorevoli personalità del panorama italiano. Fu allora, e non per caso, che venne coniato lo slogan "Capua. Città d'Arte e Cultura". Tra i tanti ci piace ricordare Raffaele La Capria, Toni Servillo, Antonio Ghirelli, Isabella Quarantotti De Filippo, Michele Santoro, Marco Travaglio, Michele Placido, don Luigi Ciotti, Rita Borsellino, Maria Falcone, Dacia Maraini, Nando Dalla Chiesa ed un giovanissimo Roberto Saviano.

Considerevoli le sinergie coltivate da Uthòpia in questi anni. La più importante sicuramente quella con la cooperativa culturale "Capuanova", ma anche collaborazioni con i maggiori Comuni della provincia di Caserta e con prestigiose associazioni nazionali e locali: Cineclub Vittoria, Biblioteca di Marcianise, Pulcinellamente, Calatia Festival e tante altre. La lotta alle mafie e l'impegno per la legalità ha consentito un proficuo avvicinamento ed una duratura collaborazione con " Libera" .
A metà degli anni '90 la libreria si trasferisce nel "salotto capuano", ovvero sotto i Portici di via Duomo. Nel 2002 la nascita di una prima filiale in via Ludovico Abenavolo, specializzata nella vendita di testi universitari, tempestivo servizio per gli studenti della neonata Facoltà di Economia nell'ex Caserma Fieramosca. Nel settembre del 2009 l'apertura di un terzo punto vendita in corso Gran Priorato di Malta, specializzato in grafica, pubblicità e stampa digitale. Nello stesso anno la "gestione" della sede principale si tinge di rosa con Maddalena Canciello e Lidia Della Valle.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Tasso positività schizza al 14%, nel casertano 276 nuovi casi

  • Attualità

    Ergastolo ostativo cancellato. "Così la camorra ha vinto"

  • Cronaca

    Contagi troppo alti, scuole chiuse un'altra settimana

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento