menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

'Scrittori in carta e ossa', una sera con Nicola Lagioia alla Libreria Spartaco-Interno4

Santa Maria Capua Vetere - Giuseppe ha i capelli rossi, i brufoli e un'inesauribile riserva di denaro nel portafoglio. Vincenzo invece è bello e tenebroso, come ogni antagonista che si rispetti. Il terzo amico è quello che racconta: l'occhio...

Giuseppe ha i capelli rossi, i brufoli e un'inesauribile riserva di denaro nel portafoglio. Vincenzo invece è bello e tenebroso, come ogni antagonista che si rispetti. Il terzo amico è quello che racconta: l'occhio inquieto che registra la vertigine dei loro quindici anni, la lunga inerzia del liceo, il precipizio dentro l'età adulta. Sono loro i tre protagonisti di "Riportando tutto a casa" (Einaudi), ultimo romanzo di Nicola Lagioia, ospite della libreria Spartaco-Interno4 di Santa Maria Capua Vetere, giovedì 6 maggio (ore 18.00). L'autore, inoltre, finirà sotto il torchio dei ragazzi del liceo classico "Cneo Nevio", capitanati dalla professoressa Ersilia Montesano, i quali gli porranno domande sul libro "Tre sistemi per sbarazzarsi di Tolstoj (senza risparmiare se stessi)" pubblicato dalla casa editrice minimum fax.

I libri
Riportando tutto a casa è un libro che costringe a fare i conti con molti stereotipi, raccontando in modo nuovo cose che credevamo di conoscere. Apparentemente, ci troviamo a leggere un romanzo di formazione ambientato a Bari negli anni Ottanta. In realtà, basta seguire per poche pagine le avventure dei tre ragazzini al centro del libro per capire che questo non è un romanzo di formazione, ma d'iniziazione, o di corruzione: la strada dell'età adulta si rivela fin da subito una discesa a rotta di collo, carica di delusioni, compromessi e rinunce. Gli anni Ottanta, nel resto d'Italia e anche a Bari, non sono quel periodo futile da molti raccontato in chiave pop, ma una stagione insieme oscura e scintillante, dove la divaricazione fra realtà e desideri s'insinua dentro le persone. Una stagione in cui è facile riconoscere le premesse di un presente che non è né migliore né peggiore, solo più stanco e disilluso.
Tre sistemi per sbarazzarsi di Tolstoj (senza risparmiare se stessi) è un libro originale.Un lui, una lei, la Roma di oggi, la classica storia d'amore che potrebbe ricominciare; ma il confidente del protagonista, fra partite a scacchi e tazze di caffè al bar, è... Lev Tolstoj. Con un linguaggio serrato ed elegante, un'ironia feroce, un continuo sovvertimento dei piani narrativi, Lagioia si diverte a trasformare la più convenzionale delle trame in "una macchina per la distruzione di cliché letterari" che non risparmia "Guerra e pace", le madeleines di Proust, il mito della droga e quello del ritorno all'infanzia: una prova di talento in cui si mescolano lo sperimentalismo europeo e il postmoderno americano. Il romanzo d'esordio di un innovatore.

L'autore

Nicola Lagioia è nato a Bari nel 1973. Ha pubblicato i romanzi Tre sistemi per sbarazzarsi di Tolstoj (minimum fax, 2001), Occidente per principianti (Einaudi, 2004) e Riportando tutto a casa (Einaudi, 2009).
Info: Libreria Spartaco-Interno4 tel. 0823 797063

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento