menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Presentazione di CxD Un cittadino per un disegno

Napoli - "CxD. Un cittadino per un disegno": questo il titolo del progetto dedicato all'arricchimento della memoria collettiva su Maurizio Valenzi che sarà presentato domani lunedì 3 maggio alle 10 e 30, nella sala conferenze della Fondazione...

"CxD. Un cittadino per un disegno": questo il titolo del progetto dedicato all'arricchimento della memoria collettiva su Maurizio Valenzi che sarà presentato domani lunedì 3 maggio alle 10 e 30, nella sala conferenze della Fondazione Valenzi al Maschio Angioino.
L'iniziativa, curata daLorenzo Mantile e Gina Annunziata, è incentrata sui numerosi disegni nei quali Valenzi ha ritratto di volta in volta parenti, amici, colleghi di partito e avversari politici, o semplici conoscenti; disegni che oggi costituiscono la testimonianza visiva della sua ricca rete di relazioni professionali, umane e affettive ed allo stesso tempo del suo legame ininterrotto con la pratica artistica.
Nell'ambito di "CxD. Un cittadino per un disegno", la Fondazione Valenzi rivolge un invito ai cittadini napoletani che Maurizio Valenzi ha voluto ritrarre nel corso della sua vita, ad offrire una testimonianza del loro incontro e del loro dialogo con l'artista. Il corpus dei disegni e dei ricordi verrà pubblicato sul sito web della Fondazione Valenzi in una galleria virtuale dedicata.
L'iniziativa vuole essere anche un momento di incontro con il pubblico. In questa occasione coloro i quali sono in possesso di un ritratto realizzato dall'artista o di altro materiale relativo a Maurizio Valenzi avranno la possibilità di intervenire con la loro testimonianza e di portare il loro materiale a conoscenza dell'Archivio Valenzi.
"Per molti anni, preso dalla vita politica, - dichiara Lucia Valenzi- mio padre non ha dipinto ma come diceva spesso "pensava quadri" cogliendo qualunque momento per fare uno schizzo, un ritratto (in Parlamento, durante le riunioni politiche, in vacanza ecc...), che puntualmente regalava. Del resto aveva disegnato su pezzetti di carta e clandestinamente perfino nell'ergastolo in Algeria. Questa iniziativa della Fondazione Valenzi si inquadra nel nostro sforzo programmatico di recuperare la memoria sua, della città di Napoli e del suo periodo storico."Intervengono:
Lucia Valenzi, presidente della Fondazione Valenzi
Gina Annunziata, responsabile attività culturali
Lorenzo Mantile, storico dell'arte contemporanea

Per ulteriori informazioni:
Gina Annunziata 3409405594

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Autostrada liberata dopo 10 ore di inferno. "Andiamo a Roma"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento