menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20100220065314_casi-sono-due

20100220065314_casi-sono-due

Giuffr e Pagano al Teatro Garibaldi con 'I casi sono due'

Santa Maria Capua Vetere - Martedì 23 febbraio ore 21.00 per la stagione teatrale 2009/2010 del Teatro Garibaldi di Santa Maria Capua Vetere Carlo Giuffrè e Angela Pagano protagonisti della commedia di Armando Curcio "I casi sono due", regia di...

Martedì 23 febbraio ore 21.00 per la stagione teatrale 2009/2010 del Teatro Garibaldi di Santa Maria Capua Vetere Carlo Giuffrè e Angela Pagano protagonisti della commedia di Armando Curcio "I casi sono due", regia di Carlo Giuffrè.

Nota di Carlo Giuffrè:
"Fra le tante Commedie che sto recitando da più di 30 anni, da quando cioè ho una mia Compagnia (nei primi 10 anni assieme a mio fratello Aldo e poi da solo), non saprei proprio dire quale sia quella che è piaciuta di più al pubblico.
Ho ricevuto nel 1999 l'ambito premio "Renato Simoni" la cui motivazione fra l'altro dice: sempre più forti e quasi esclusivi con il sopraggiungere della maturità, si sono fatti in lui l'impegno e la responsabilità di "Custode della grande tradizione attorale napoletana". Ed ecco quindi la mirabile serie di spettacoli destinati a restaurare un repertorio otto-novecentesco con accento nobile da Scarpetta a Curcio, e a mantenere vivo nella coscienza e nel cuore degli spettatori, con un marchio costante e inconfondibile di intelligenza critico-storica, il patrimonio di questo meraviglioso repertorio.
Ho recitato 6 Commedie di Eduardo, di Armando Curcio ne ho realizzate tre: "A che servono questi quattrini", "La fortuna con la effe maiuscola" (scritta con Eduardo) e "I casi sono due", che fu - nel 1982 - la prima Commedia realizzata con la Diana OR.I.S. di Lucio Mirra, che produce ormai i miei spettacoli da 30 anni.
Fu un inizio travolgente, piacque molto a Federico Fellini, che vide lo spettacolo tre volte e scrisse fra l'altro "Ecco il teatro quello vero che funziona da sempre, come una bella festa fra vecchi amici con cui stai subito bene" e concludeva dicendo "Nutrendo la speranza che tutto ciò che di spensierato, allegro, buffonesco, patetico, assurdo e straziantemente umano, hai visto accadere su quel palcoscenico, spente le luci e uscito dal teatro, tu possa ritrovarlo fuori nella vita! "
Il critico Enrico Fiore del Mattino di Napoli scrisse: "E' uno degli spettacoli più compatti, calibrati e divertenti che si siano visti negli ultimi anni. "
Giovanni Raboni, sul Corriere della Sera scrisse: ""Avrò il coraggio di dire che "I casi sono due" di Armando Curcio, messo in scena da Carlo Giuffrè che lo interpreta da par suo, è lo spettacolo più bello di questa stagione?
Si, ormai l'ho detto e spero di essere creduto!
Giuffrè ne ha tirato fuori un capolavoro di intelligenza, di comicità pacatamente irresistibile, di scintillante malinconia"".

Per questo rimetto in scena la Commedia, perché piacque molto allora ai critici e al pubblico, piacque anche quando la ripresi nel 1992 e sono certo che piacerà anche questa volta; avrò dei bravi attori accanto a me e soprattutto avrò la fortuna di avere al mio fianco Angela Pagano, grande amica e grandissima attrice.
Su il sipario e buon divertimento!"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento