menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

'Un Crocifisso per amico' iniziativa padre Rungi per far conoscere Crocifisso ai giovani

Mondragone - "Un Crocifisso per amico" è questa iniziativa di che padre Antonio Rungi, teologo morale campano, religioso passionista di Mondragone (Ce), lancia a livello nazionale, alla vigilia dell'inizio della Quaresima 2010 per far conoscere il...

"Un Crocifisso per amico" è questa iniziativa di che padre Antonio Rungi, teologo morale campano, religioso passionista di Mondragone (Ce), lancia a livello nazionale, alla vigilia dell'inizio della Quaresima 2010 per far conoscere il Crocifisso agli adulti ed ai giovani. "Si tratta di un'iniziativa non solo finalizzata a portare nelle case, nelle famiglie, nelle scuole, nei luoghi pubblici, nelle discoteche, nei luoghi di incontro dei giovani l'immagine di Cristo Crocifisso, ma di fare una vera e propria evangelizzazione sulla Passione di Cristo. Gli strumenti si posseggono tutti -afferma padre Rungi- a partire dai testi sacri, dalla teologia della sapienza della croce, dai film, libri e testi di ogni genere che trattano questo argomento, che ci accompagna spiritualmente durante la Quaresima, ma si tratta pure di incontrare i crocifissi dei nostri giorni che soni i giovani tossicodipendenti, quelli senza speranza e senza prospettive del domani, quelli demotivati e che hanno smarrito il senso della vita. Ma non solo i giovani, ma tutti coloro che soffrono nel corpo, nello spirito, nella psiche sono oggetto del nostro itinerario spirituale ed apostolico di incontrare Cristo nel fratello che soffre. Da qui il senso di questo slogan "Un Crocifisso per amico". Magari ognuno di noi si facesse carico di un fratello che vive nella difficoltà ed è in stato di crisi. Saremmo dei veri cristiani e la passione per il Crocifisso la trasformermo in passione per la vita e per la difesa dei più deboli di oggi e di sempre". Intanto padre Rungi avvierà nella sua città, Mondragone questo specifico apostolato nella Quaresima 2010 e si rovolge "a tutti i parroci, religiosi e laici della chiesa italina perché facciano altrettanto nelle rispettive comunità cristiane. Ma un particolare impegno -chiede padre Rungi - ai docenti cattolici e soprattutto agli insegnanti di religione cattolica nelle scuole statali perché in questa Quaresima accentuino il discorso sul Crocifisso non solo per portarlo nelle aule ma lo approfondiscano da un punto di vista teologico e pastorale, perché si arrivi alla comprensione vera del perché di una presenza anche visiva e di immagine sacra nelle scuole e negli uffici pubblici dello Stato Italiano. Di fronte alla dramma del genere umano la presenza del Cristo Crocifisso è un forte richiamo all'amore, alla giustizia, alla solidarietà, al perdono e alla collaborazione per bene di tutta l'umanità. La causa dei nostri fratelli haitiani, soprattutto i bambini, come degli aquiliani non possiamo dimenticarla soprattutto in questa Quaresima 2010"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Tasso positività schizza al 14%, nel casertano 276 nuovi casi

  • Attualità

    Ergastolo ostativo cancellato. "Così la camorra ha vinto"

  • Cronaca

    Contagi troppo alti, scuole chiuse un'altra settimana

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento