menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

'Morso di luna nuova' di Erri De Luca a Scenari pagani 2010

Pagani - Morso di luna nuova scritto da Erri De Luca, è un elegante e graffiante affresco sulla Napoli del 1943 nel quale si intrecciano micro e macro storie, vicende intime e marginali segnate dall'incedere violento e barbaro della Guerra.In un...

Morso di luna nuova scritto da Erri De Luca, è un elegante e graffiante affresco sulla Napoli del 1943 nel quale si intrecciano micro e macro storie, vicende intime e marginali segnate dall'incedere violento e barbaro della Guerra.
In un rifugio antiaereo scosso dalle bombe, un piccolo gruppo di napoletani consuma la sua esistenza. C'è un vecchio generale fascista a riposo, un giovane romantico, un ingenuo balbuziente, un disincantato falegname, un pescivendolo che cova in sé il segreto d'essere ebreo e la famiglia del portiere che già tesse trame di rivolta. La rivolta che sfocerà nelle famose Quattro Giornate (27 -30 settembre '43), che liberarono la città dall'oppressione tedesca. Quel popolino, rassegnato e sognatore, comincia a coltivare la propria dignità, il proprio riscatto che, come per contagio, lentamente, si diffonde. La rassegnazione lascia il posto alla rivendicazione. E quasi verrebbe da sperare che la Napoli di oggi possa ritrovare quello spirito e quell'orgoglio: ora, come allora, sta ai cittadini prendere in mano il proprio destino.
Morso di luna nuova è il morso di una città che addenta e insegue l'occupante intruso fino a sbatterlo fuori dalla città. Qui si svolge la vita di nove persone che senza più considerare età, mestieri e storie differenti, rompono le distanze tra loro e vanno insieme e inventano la libertà.L'emotività è l'elemento distintivo di questo spettacolo che traspare innanzitutto dall'uso di un linguaggio sanguigno e fatto di carne qual è il napoletano. Con tanto di dichiarazione programmatica: "Il talian è na lingua nu poco stitica, non come il napolitano nostro che per la fame che tiene si morsica pure le parole". Ma emotività è anche la carica interpretativa della napoletanità raccontata nei suoi tratti più genuini: la fame di giustizia, il rispetto, l'ironia, la comicità e infine quella convinzione atavica che "ha da passà 'a nuttata".Emotività come cifra narrativa e stilistica, per raccontare una storia che ha a che fare con la paura e con il coraggio e, in entrambi i casi, con la dignità. E il punto più alto di immedesimazione tra platea e palcoscenico lo si raggiunge con i rumori delle bombe, che arrivano improvvisi: un'esplosione dopo l'altra, la tensione aumenta, il panico anche.
Erri de Luca, da scrittore raffinato qual è, sa dosare le emozioni. Tesse una trama fatto anche di suoni antichi e battute sagaci capaci di ricreare, in un gioco tutto metateatrale, un lungo e divertente siparietto da avanspettacolo, affidato alla "coppia comica" del gruppo. Per sollevare gli animi afflitti e senza speranza dei rifugiati non c'è niente di meglio che rispolverare il vecchio teatro, giocando con le parole e con la retorica delle canzoni patriottiche
Ma Sepe evita ogni epica o retorica, e elabora uno spettacolo struggente ed emozionante, compatto ed efficacissimo, una partitura di corpi che corrono, di piccoli frammenti, di agili coreografie che sfruttano al meglio la semplicissima ed efficace scena fatta di pannelli che limitano angoli e spazi claustrofobici del rifugio antiaereo. Nelle bellissime luci e nelle musiche il compito di evocare stagioni dell'anima e del nostro passato. Canzonette e valzer tragici, sono il vero filo conduttore delle tante storie: una danza dolente che avvolge la città e i suoi abitanti.
Morso di luna nuova si chiude così come si era aperto: un valzer frenetico fatto di correre. Che però, nel corso della storia, ha mutato di significato: scaricatosi di dosso il desiderio di fuga presente all'inizio, ora si danza e si corre per la libertà. La luna nuova si è morsicata la vita vecchia e, almeno per un momento, 'a nuttata è passata..

giovedì 18 febbraio 2010 ore 21,00 ?.12.00
TEATRO CENTRO SOCIALE PAGANI - SA

Compagnia Gli IpocritiINMorso di luna nuovadi Erri De Luca
con Giovanni Esposito, Anna Ferruzzo, Antonio Marfella, Luna Romani, Giampiero Schiano, Antonio Spadaro, Simone Spirito, Pino Tufillaroscene e costumi Bruno Buonincontrimusiche Harmonia Teamregia Giancarlo Sepe

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Nel casertano nuova impennata delle vittime del Covid: 15 in 24 ore

  • Cronaca

    Caserta ancora 'leader' per i vaccini: somministrate 194mila dosi

  • Cronaca

    Processo Pineta Grande, Schiavone "rompe" il silenzio in aula

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento