menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20100202135410_libro

20100202135410_libro

Successo per la presentazione del libro 'Sant'Arpino si racconta'

Sant'Arpino - C'erano davvero tantissimi santarpinesi e non domenica mattina alla presentazione del libro "Sant'Arpino si racconta" della professoressa Assunta Rocco Iannucci. E ad ascoltare la genesi di questo lavoro che ha il pregio di riportare...

C'erano davvero tantissimi santarpinesi e non domenica mattina alla presentazione del libro "Sant'Arpino si racconta" della professoressa Assunta Rocco Iannucci. E ad ascoltare la genesi di questo lavoro che ha il pregio di riportare alla luce una Sant'Arpino che non c'è più e che assomiglia a "quel piccolo mondo antico" di guareschiana memoria, c'erano persone di tutte le età e generazioni, dai giovani che hanno fatto un tuffo nel passato servendosi dell'immaginazione ai meno giovani che invece si sono immersi nei propri ricordi. Il testo della docente di storia e filosofia è stato presentato nel corso di un incontro organizzato dalla Pro Loco del comune atellano e patrocinato dall'amministrazione comunale del centro alle porte di Aversa, e ha visto la partecipazione del Presidente del sodalizio di Via Marconi, Aldo Pezzella, dell'assessore alla cultura Giuseppe Lettera e di numerosi docenti ed esperti di storia locale. Come ha brillantemente illustrato il professor Felice Coppola nella presentazione del libro "il testo di Assunta Rocco Iannucci è una sorta di riflessione antropologica sui luoghi della sua vita ed ha come principale merito quello di riportare alla luce, attraverso toni materni e confidenziali, proprio dell'Autrice, sapori ed emozioni di un tempo passato ormai completamente perduti o trascurati. Il lettore, infatti, nell'accostarsi a queste pagine, tra l'altro agili e snelle, ha l'impressione di trovare se stesso, specialmente se vissuto in un contesto semplice ed umile, in una dimensione più intima e familiare. Ed è per questo che il borgo di Sant'Arpino perde i proprio confini territoriali e diventa paese universale, senza tempo e caratteristiche, ma luogo di memorie e di ritrovo". Dal canto proprio l'autrice ha rimarcato come il "tempo che ci mette in condizione di crescere, apparentemente lento durante la giovinezza, poi fugace e tiranno nella maturità, è artefice di questa riflessione di leopardiana memoria. Il pensiero del passato mi riporta al presente, in maniera più consapevole portandomi appresso volti, voci, luoghi ed odori familiari che hanno accompagnato la mia vita. Il ricordare è indispensabile perché grazie ad esso si conservano usi, costumi, precetti morali e religiosi. Nel mio lavoro- chiosa la Rocco- mi soffermo col pensiero e le immagini che hanno arricchito la vita del mio paese, mi corrono veloci davanti agli occhi. Sant'Arpino prende vita ed inizia a raccontarsi al punto tale da farmi rivivere la cultura, la politica, l'ambiente socio economico e l'essenza di un periodo della sua storia". La mattinata si è conclusa con l'apprezzata degustazione del classico casatiello santarpinese.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Muore per Covid dopo il ricovero in ospedale: aveva 66 anni

  • Cronaca

    Diocesi in lutto, è morto don Pietro De Felice

  • Cronaca

    Marito e moglie positivi se ne vanno in giro per strada

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento