menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20100122060402_deux

20100122060402_deux

'CasertArteDanza' edizione 2010: da gennaio ad aprile al Teatro Comunale

Caserta - Saranno sette i titoli che comporranno l'edizione 2010 di CasertArteDanza, la rassegna ideata dal CDTM - Circuito Campano della Danza, per la direzione artistica di Mario Crasto De Stefano, e realizzata per il terzo anno consecutivo in...

Saranno sette i titoli che comporranno l'edizione 2010 di CasertArteDanza, la rassegna ideata dal CDTM - Circuito Campano della Danza, per la direzione artistica di Mario Crasto De Stefano, e realizzata per il terzo anno consecutivo in collaborazione con il Teatro Comunale di Caserta ed il Teatro Pubblico Campano. Da gennaio ad aprile si succederanno sulla scena del Comunale le più importanti e rivoluzionarie compagnie di danza contemporanea, lasciando spazio anche al libretto classico fino ad offrire la scena alle nuove leve del balletto. IL PROGRAMMA L'apertura è fissata per giovedì 28 gennaio quando, sulle coreografie di Arturo Cannistrà e Daniela Porciello, la Compagnia Arabesque danzerà "Thalassa (Mare?tra le terre)". Mentre una voce narrante (di Enrico Vagnini) descrive tutta la poeticità delle isole mediterranee, i danzatori traducono quelle stesse emozioni in passi: i loro corpi si spogliano della vita metropolitana per tuffarsi in un mare blu, Thalassa appunto, ricco di sensazioni. L'ensemble - nato come contenitore di esperienze tecniche ed umane tese alla crescita del giovane danzatore tenuto oggi a confrontarsi con diversi linguaggi espressivi che spaziano dal classico alla danza d'avanguardia - unisce i più talentuosi ballerini campani dalle innumerevoli esperienze artistiche. Cannistrà, già ideatore e regista di numerosi lavori per le compagnie più prestigiose, nonché responsabile artistico dei "Progetti Speciali" per la Fondazione Nazionale della Danza - Aterballetto, firma anche le coreografie del "Pinocchio" proposto in matinee per le scuole lunedì 12 e martedì 13 aprile. Ad interpretare la favola di Collodi gli allievi più meritevoli di dieci scuole di danza campane partecipanti al progetto Leggere per?ballare che dal 1996 coinvolge e fa interagire le scuole di danza associate alla Fnasd - Federazione Nazionale Associazioni Scuole di Danza e le scuole istituzionali diffuse sul territorio nazionale; l'iniziativa è promossa in regione dall'Associazione Campania Arte Danza.
Tornando al programma, dopo l'apertura una performance arguta ed autoironica attende il pubblico giovedì 18 febbraio: in scena lo spettacolo "Paracasoscia" della Compagnia Botega. L'espressione dialettale di "sembra che soffi" traduce il modo nuovo ed estremamente moderno del coreografo Enzo Celli di rispolverare l'Opera e le sue aree che, dal mondo della lirica, 'soffiano' verso il pubblico travolgendolo con un linguaggio giovane e frizzante, energico e vigoroso, contaminato tra danza, break dance, acrobatica e arti circensi, fuse tra loro in un gioco semi serio.
Venerdì 26 marzo sarà invece la volta della Compagnia Balletto Classico Liliana Cosi - Marinel Stefanescu impegnata ne "I Grandi Pas de deux". Una serata dedicata ai grandi balletti per ricondurre lo spettatore alla bellezza del repertorio classico, capolavori che non hanno epoca, gioielli incastonati negli spettacoli più famosi e/o momenti culmine di un intero balletto.
Si ritorna al contemporaneo giovedì 8 aprile quando la rassegna ospiterà la Compagnia Lucido Sottile - Centro di Produzione e Diffusione della Danza Contemporanea in "Speradiserabeltemposi?Rosso". Una divertente parodia della danza, per le coreografie di Michela Sale Musio e Tiziana Troja, in cui due improbabili ed annoiate ballerine, originariamente all'opera per uno spettacolo di danza, si confessano desideri, aspirazioni e volontà tutt'altro che attinenti alla performance in fieri. Cambio di registro venerdì 16 aprile con la Compagnia Anita - Accademia Nazionale Italiana Tango Argentino, nonché unico membro associato a livello Europeo dell'Academia Nacional de Tango di Buenos Aires. L'ensemble presenterà "Tango y Baile", show che ha già affascinato le platee di tutti i teatri argentini e che ne esprime tutta l'energia attraverso un viaggio tra milonghe e vals con l'accompagnamento dal vivo dell'orchestra "Vale Tango".

L'ultimo appuntamento con CasertArteDanza è previsto sabato 24 aprile con "I Prodotti - Teatro fisico per sei acrobati di Nairobi e danzatori anomali". Il progetto teatrale vede coinvolto un gruppo di giovani acrobati kenioti, gli Afro Jungle Jeegs, arrivati in Italia portando piccoli spettacoli di elevata e divertente acrobazia fisica, a cui Leonardo Pischedda (ideatore e regista del progetto insieme a Michela Lucenti) ha proposto di interagire con le performance di altri artisti europei per attraversare linguaggi lontani dal proprio. Così, è nato l'incontro con il metodo del Balletto Civile, compagnia italiana di teatro fisico capitanata dalla Lucenti, e dell'Artificio 23.
INFO UTILI Per assistere ai 6 spettacoli della Stagione è ancora possibile sottoscrivere un vantaggioso abbonamento al costo di 60 euro (ridotto 50 euro per gli iscritti a Scuole di Danza). Il costo dei singoli biglietti varia dai 18 ai 10 euro. Gli spettacoli avranno inizio alle ore 21. Per informazioni e prenotazioni: CDTM 081 578 79 49 - info@danzateatro.net- www.danzateatro.net; Botteghino del Teatro Comunale 0823 442990.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento