menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Soprano Rosanna Savoia ospite d'eccezione al Premio Cimarosa

Aversa - La cantante lirica di origini aversane, Rosanna Savoia, è stata accolta con molto affetto nella sua città natale, in veste di ospite d'onore, alla prima edizione del "Premio Internazionale Domenico Cimarosa". La manifestazione, promossa...

La cantante lirica di origini aversane, Rosanna Savoia, è stata accolta con molto affetto nella sua città natale, in veste di ospite d'onore, alla prima edizione del "Premio Internazionale Domenico Cimarosa". La manifestazione, promossa in occasione delle celebrazioni del 260° anniversario della nascita del massimo esponente della musica settecentesca, si è svolta domenica 27 dicembre scorso. Un'occasione speciale, che esula dalla programmazione tradizionale, una serata dedicata ad artisti di prestigio è stata quella organizzata dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Aversa, in collaborazione con il Conservatorio di Musica di Napoli "S. Pietro a Majella" di Napoli e l'Associazione aversana "Accademia Mediterraneo Arte & Musica". Nella splendida cornice del teatro Cimarosa, gremito di pubblico, la Savoia, in un elegante mise rossa, ha illuminato la manifestazione esibendosi prima in un duetto "Là ci dare la mano" dal Don Giovanni di Mozart con il baritono Carmine Monaco e poi in "Perdonate Signor mio" da Il matrimonio segreto di Cimarosa. Proprio con quest'ultima opera, nel 1996, Savoia ha vinto il concorso internazionale Toti dal Monte di Treviso, da cuì ha preso il volo la sua carriera artistica. Domenica sera nello storico ed elegante teatro aversano a battere le mani per lei c'era la famiglia, che raramente può seguirla nelle sue tournée in giro per l'Italia e i più prestigiosi palcoscenici del mondo. Insieme ai genitori, anche il fratello, l'ex Sindaco di Sant'Arpino, Giuseppe Savoia, infatti, non ha voluto rinunciare a questa imperdibile occasione: poter vivere e condividere, almeno per una volta, le emozioni dettate dal talento scenico della sorella, le sensazioni trasmesse dall'estensione vocale dei suoi acuti, gli stati d'animo espressi dalla sua spiccata potenzialità canora .
Sotto la direzione artistica del M° Piero Viti, noto musicista anche lui aversano, la prima edizione del Premio Internazionale Cimarosa ha visto sul palco del teatro cittadino la presenza di alcuni tra i maggiori studiosi ed interpreti dell'arte cimarosiana, numerose personalità del mondo della musica classica, del teatro e del mondo accademico si sono. Tra cui: il regista Ugo Gregoretti, il baritono Bruno de Simone (noto artista che ha ricoperto innumerevoli ruoli in lavori teatrali di Cimarosa), gli acclamati pianisti Laura De Fusco e Sandro De Palma, il "virtuoso" di fortepiano Andrea Coen (autore dell'incisione integrale e della revisione delle Sonate per strumento a tastiera di Cimarosa), il flautista-musicologo Gian-Luca Petrucci che si esibirà al fianco di Alessandro Simoncini, Luca Simoncini e Demetrio Comuzzi, tutti e tre componenti del prestigioso "Nuovo Quartetto Italiano", il duo Salvatore Lombardi e Piero Viti.

La bibliografia di Rosanna Savoia
Soprano nata ad Aversa, studia canto al Conservatorio S. Pietro a Majella di Napoli e si perfeziona con Romolo Gazzani. Partecipa a seminari e corsi di perfezionamento sotto la guida di Leyla Gencer, Rain Kabaiwanska, Robert Kettelson, Paolo Montarsolo, Regina Resnik, Renata Scotto e Alberto Zedda (Accademia Rossiniana). Finalista di importanti concorsi internazionali, nel 1996 vince il Concorso Internazionale Toti dal Monte ed ottiene il premio della Stampa al Concorso Internazionale G. di Stefano. Debutta nel 1995 ne L'AVARO di Mayr al Donizetti di Bergamo.

Seguono due importanti debutti ne IL MATRIMONIO SEGRETO (Carolina) a Treviso e Rovigo e L'ELISIR D'AMORE al Luglio Musicale Trapanese. Nel circuito lombardo è Nannetta in FALSTAFF e Susanna ne LE NOZZE DI FIGARO sotto la direzione di Rovaris che la dirige anche ne L'IDOLO CINESE (Kametri) di Paisiello al Filarmonico di Verona. Nel 1998 debutta in DON GIOVANNI nel ruolo di Zerlina a Colonia sotto la direzione di Rovaris e la regia di Daniele Abbado e in Donna Anna in tournée in Toscana e Lombardia, a Trapani, Vichy e Verona. Nello stesso anno è Clorinda in CENERENTOLA al Rossini Opera Festival diretta da Rizzi per la regia di Ronconi. Seguono CHI DELL'ALTRUI SI VESTE PRESTO SI SPOGLIA di Cimarosa (Ninetta) al Teatro alla Scala, FALSTAFF (Nannetta) a Rovigo, Trento e Bolzano, L'ITALIANA IN ALGERI (Elvira) a Zurigo in forma di concerto, a Monaco di Baviera con la Münchner Rundfunkorchester sotto la direzione di Viotti e a Rovigo, Trento e Bolzano, LE CONVENIENZE ED INCONVENIENZE TEATRALI a Lecce. Al Teatro Lirico di Cagliari canta in DIE ÄGYPTISCHE HELENA di Strauss (prima esecuzione assoluta in Italia), EURYANTHE (Bertha) di von Weber con la regia di Pizzi (incisa live da Dynamic) e AIDA (Sacerdotessa) sotto la direzione di Lorin Maazel. Nel 2003 interpreta il ruolo di Argene ne L'OLIMPIADE di Pergolesi a Ravenna con l'Accademia Bizantina diretta da Ottavio Dantone, spettacolo ripreso a Modena, Piacenza, Reggio Emilia e al Festival Barocco di Beaune in Francia. Ottiene nuovamente grande successo in Zerlina in DON GIOVANNI con la regia di Martone nei teatri di Trento, Bolzano, Rovigo e Cosenza. Nel 2004 si esibisce con esito felicissimo in un concerto belliniano a Catania e al nuovo auditorio di Roma. Con l'Athestis Chorus esegue la cantata di Bach JAUCHZEIT GOTT IN ALLEN LANDEN e lo STABAT MATER di Pergolesi. E' Berta ne IL BARBIERE DI SIVIGLIA a Strasburgo, Cilletta ne I FINTI FILOSOFI di Spontini al Festival Pergolesi Spontini, Zerlina in DON GIOVANNI a Cagliari e Oscar in UN BALLO IN MASCHERA al Teatro Massimo di Palermo con la regia di Pizzi.
Più volte ospite del Teatro alla Scala di Milano con RINALDO (Almirena) di Haendel diretta da Dantone con la regia di Pizzi, IDOMENEO (Ilia) diretta da Harding con la regia di Bondy (trasmessa su Arte) e LUCIA DI LAMMERMOOR (Lucia) diretta da Roberto Abbado con la regia di Pier Alli. Recentemente ha cantato Despina in COSÌ FAN TUTTE con la regia di Gandini a Piacenza, Musetta ne LA BOHÉME a Lucca, Bolzano, Pisa, Livorno, Prato, e Ravenna, un Recital alla Musashino Cultural Foundation di Tokyo. Ha riscosso un bel successo di pubblico e critica all'Opera Royal de Wallonie per LUCIA DI LAMMERMOOR. Gli ultimi recenti impegni l'hanno vista al Lirico di Cagliari per l'ORFEO ALL'INFERNO (Diana), LA LEGGENDA DELL'INVISIBILE CITTÀ DI KITESH di Rimski Korsakov (Sirin) regia di Necrosius e direzione di Vedernikov e per FALSTAFF (Nannetta). Importanti debutti nel 2009 Adina ne L'ELISIR D'AMORE al Maggio Musicale Fiorentino diretta da Bruno Campanella e Gilda in RIGOLETTO all'Opéra de Toulon. Ha recentemente rivestito i panni di Gilda a Lecce con la regia di Vittorio Sgarbi. Nel 2010 sarà ancora Gilda a Tellin in Estonia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Mille “furgoni lumaca” in autostrada contro le chiusure

  • Cronaca

    Nuovi 228 positivi scoperti nel casertano. Morti 3 pazienti

  • Incidenti stradali

    Muore a 25 anni dopo un drammatico incidente in auto

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento