menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

'Concerto per un Giorno di Festa' alla Reggia di Caserta

Caserta - Sabato 26 dicembre alle ore 11,15 presso il Teatro di Corte della Reggia Vanvitelliana di Casertaavrà luogo il "Concerto per un Giorno di Festa", tradizionale appuntamento di Natale con l' Orchestra da Camera di Caserta diretta da...

Sabato 26 dicembre alle ore 11,15 presso il Teatro di Corte della Reggia Vanvitelliana di Casertaavrà luogo il "Concerto per un Giorno di Festa", tradizionale appuntamento di Natale con l' Orchestra da Camera di Caserta diretta da Antonino Cascio.
In programma un "itinerario musicale" con Mozart, per l'occasione "compagno di viaggio" , attraverso tre capitali europee della musica del secolo dei lumi: Napoli, Vienna e Mannheim Saranno eseguiti brani di Johann e Carl Stamitz di Mozart e del '700 napoletano e tra gli ospiti il flautista Marc Grauwels.
Il concerto chiude il trittico di eventi ospitato dal sito vanvitelliano nell'ambito del ciclo "Haydn & Mozart tra barocco & Classicismo a Napoli, Vienna & Mannheim" , tema caratterizzante la Stagione Concertistica 2009 dell'Orchestra da Camera di Caserta , inaugurata nei luoghi di Cimarosa & Jommelli (Aversa) e proseguita, oltre che alla Reggia di Caserta, nei luoghi del Grand Tour (Ercolano e Sorrento) e del Barocco di Terra di Lavoro e realizzata con il patrocinio della Sovrintendenza ai Beni Culturali e Ambientali di Caserta del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e della Regione Campania.

Nota al programma
Con Mozart tra Napoli, Vienna & MannheimMannheim con la sua Mannheimer Schule, nata attorno al 1740 ca. e il cui padre nobile è JohannStamitz, rappresentò per lo stile strumentale l'equivalente di Napoli per la vocalità ed il teatromusicale. Considerata il più importante anello di congiunzione tra lo Stile Barocco e la WienerKlassik, ad essa si deve lo sviluppo di un certo gusto sinfonico che culminerà nel tardo Settecento e nel Periodo Romantico e a cui Mozart e tutti gli autori viennesi coevi non furono indifferenti. L'Orchestra della Mannheimer Schule, in auge fino al 1778, anno del suo scioglimento, ottenne grande fama in tutta Europa e probabilmente non aveva eguali tra le coeve formazioni strumentali, per la qualità delle esecuzioni e per la ricchezza dell'organico.Arrivò ad annoverare, infatti, novanta esecutori, una quantità impressionate per l'epoca se si considera che l'Orchestra del milanese Giuseppe Sammartini, altro padre nobile della Sinfonia, non superava i venti musicisti.


programma online su: www.suonieluoghidarte.com

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento