menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Si festaggiano dieci anni dell'Oratorio

Agropoli - Grande folla festante di fedeli e giovani, volontari ed anziani, autorità civili e religiose, domenica 28 ottobre scorso, alle ore 19,30 per festeggiare i primi dici anni di attività dell'Oratorio voluto dal compianto ed amato Padre...

Grande folla festante di fedeli e giovani, volontari ed anziani, autorità civili e religiose, domenica 28 ottobre scorso, alle ore 19,30 per festeggiare i primi dici anni di attività dell'Oratorio voluto dal compianto ed amato Padre Giacomo Selvi. Il maggiore animatore, il Presidente Giuseppe Di Lucia Di Lucia ha introdotto la serata dopo una breve presentazione del moderatore prof. Germano Bonora, autore, tra l'altro del libro dedicato alla vita ed alle opere di un grande benefattore che viaggiava su una sgangherata bicicletta. Ha preso di poi la parola mons. Guglielmo Manna che ha elogiato l'opera ed ha parlato del ruolo dell'oratorio nel terzo millennio. Il sindaco di Agropoli, avvocato Franco Alfieri, consigliere provinciale ha annunciato i prossimi inizi dei lavori per un nuovo oratorio presso la Chiesa della Madonna delle Grazie. Per la parte sportiva ha parlato il presidente del Centro Sportivo Italiano, dott.Giovanni Cicconella, che ha ampiamente illustrato l'importanza dello sport nella formazione dei giovani. Anche Don Nicola, titolare della Parrocchia del Sacro Cuore ha elogiato tutti i collaboratori ed anche Don Vanni, un salesiano che ama soggiornare spesso nella nostra cittadina. Al termine della manifestazione il prof.Catello Nastro, Presidente dl Centro Sociale Polivalente cittadino, in una breve ma sentita relazione, ha comunicato come i figli, una trentina di anni fa, quando egli insegnava nel capoluogo piemontese, hanno occupato il tempo libero nel vicino oratorio salesiano. Come docente, era consuetudine fare la gita primaverile al Colle Don Bosco, dove gli studenti potevano meglio stare a contatto con una struttura che non faceva distinzioni di provenienza geografica, di reddito e dove tutti potevano trovare il loro spazio per pregare, studiare, giocare a calcetto e fare la partita di pallone. Ha ricordato, con una testimonianza commovente, la figura umile di Padre Giacomo e di un altro grande benefattore suo amico, scomparso da pochi anni: Alberto Grippa. Ambedue sono stati ricordati dai presenti con uno scrosciante applauso. Alla fine della serata un ricco buffet organizzato dalle signore del volontariato ha concluso una serata meravigliosa, piena di fratellanza, amore cristiano, socializzazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Tasso positività schizza al 14%, nel casertano 276 nuovi casi

  • Attualità

    Ergastolo ostativo cancellato. "Così la camorra ha vinto"

  • Cronaca

    Contagi troppo alti, scuole chiuse un'altra settimana

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento