menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mostra Colombia, voci nascoste, fotografie di Francesco Zizola

Bonito - Il progetto di promozione della lettura lanciato dal Centro per il Libro e la Lettura del Ministero per i Beni e le Attività Culturali approda, per la prima volta, anche a Bonito (Av) che sabato 24 ottobre sarà uno dei 750 "luoghi della...

Il progetto di promozione della lettura lanciato dal Centro per il Libro e la Lettura del Ministero per i Beni e le Attività Culturali approda, per la prima volta, anche a Bonito (Av) che sabato 24 ottobre sarà uno dei 750 "luoghi della lettura" distribuiti in tutto il territorio nazionale, tutti riuniti in un unico programma con l'obiettivo di trasformare l'Italia, almeno per un mese, in un Paese in cui il libro è di casa.
Il ricco programma di "Ottobre, piovono libri" svela un più ampio progetto culturale, che vede lo spazio letterario esteso anche alla musica, alla fotografia, al cinema e all'arte culinaria, coinvolgendo adulti e bambini in questa giornata interamente dedicata alla "comunicazione emozionale".
E forti sensazioni susciterà la mostra "Colombia, voci nascoste", fotografie di Francesco Zizola, vincitore del II° Premio del World Press Photo nella categoria "People in the News", straordinaria testimonianza di storie di emarginazione, violenza e riscatto dove opera Medici Senza Frontiere.

Le foto, realizzate nel 2007 nella regione del Chocó, descrivono la persistente e drammatica situazione umanitaria del distretto più povero della Colombia, dove da oltre 40 anni è in corso un conflitto in cui governo, paramilitari e guerriglia combattono sullo sfondo del narcotraffico e della lotta per il controllo delle abbondanti risorse naturali presenti nel paese. Nel corso degli anni tutti i gruppi armati si sono resi responsabili di gravi violazioni dei diritti umani, terrorizzando la popolazione civile sia nelle aree rurali sia in quelle urbane.Nel distretto di Chocó, MSF ha avviato un programma di accesso alle cure primarie. L'area è completamente circondata dalla foresta, per questo gli spostamenti dell'équipe medica avvengono a bordo di una piroga.
L'assessore alla cultura di Bonito, David Ardito, afferma: "Con questa interessante mostra fotografica si rafforza, dunque, il legame decennale che tiene unito il Comune di Bonito all'associazione umanitaria Medici Senza Frontiere e si amplia il ventaglio delle proposte culturali, guadagnando spazi, luoghi e situazioni fino ad oggi considerati "estranei" al proprio orizzonte formativo e territoriale".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento