menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20090905083147_Celestini

20090905083147_Celestini

Celestini e Picco al Belvedere di Villa Rufolo

Ravello - Con lo spettacolo di sabato 5 settembre alle 21.15, il Ravello Festival chiude la sequenza di eventi sul prestigioso Belvedere di Villa Rufolo, mai fitta come quest'anno, ospitando lo scrittore Ascanio Celestini e il pianista Cesare...

Con lo spettacolo di sabato 5 settembre alle 21.15, il Ravello Festival chiude la sequenza di eventi sul prestigioso Belvedere di Villa Rufolo, mai fitta come quest'anno, ospitando lo scrittore Ascanio Celestini e il pianista Cesare Picco. Lo spettacolo, intitolato Ci vuole coraggio ad essere folli, nasce su commissione del Ravello Festiva ed è, dunque, una prima assoluta. Sin dal titolo, questa nuova piéce musical-teatrale si propone di gettare un ponte tra l'edizione 2009 del Festival, consacrata al tema del Coraggio, e quella 2010, che avrà nella Follia il suo leitmotiv. Con Celestini e Picco, due figure di assodato prestigio nel panorama culturale italiano che per la prima volta collaborano ad un progetto congiunto, il pubblico ritroverà sul Belvedere il Complesso Bandistico del Ravello Festival, ossia una banda di paese formata da 20 strumentisti impegnata ad assecondare l'estro ed il genio artistico dei protagonisti. E non sarà certo facile.
Cesare Picco, è un pianista che ha fatto dell'improvvisazione una delle sue armi migliori. Dal 1986, anno del primo concerto con sole musiche originali, porta la sua musica in tutto il mondo collaborando con molti artisti non solo in veste di pianista, ma anche di produttore, arrangiatore e direttore d'orchestra. Vanno ricordate, tra le altre, le collaborazioni con Giorgia, Ligabue, Andrea Bocelli, Samuele Bersani, Giovanni Sollima, Markus Stockhausen

In ambito teatrale, ha musicato spettacoli con Gioele Dix, Fabrizio Gifuni, Ottavia Piccolo. In Giappone, sua terra d'elezione artistica, è considerato uno dei pianisti più ricercati e innovativi, e nel solo 2007 ha tenuto tre serie di concerti.
La sua musica si coniugherà con la voce ed il gesto di Ascanio Celestini, autore e attore cuntista, ma anche artista musicale: è del 2007 il suo primo disco, che ha ricevuto il Premio Ciampi come Miglior debutto discografico dell'anno. I suoi spettacoli sono diventati un'occasione quasi di culto in tutta Italia, oltre che in Francia dove Celestini è considerato tra i maggiori autori-attori italiani del momento. I suoi libri pubblicati da Einaudi e dedicati molto spesso ad argomenti di grande peso sociale, hanno ottenuto notevoli successi di critica e di vendita. (Posto unico ?35)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento