menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
ARGENZIANO_20071003142324

ARGENZIANO_20071003142324

L87enne Argenziano e' Cavaliere della Repubblica

Macerata Campania - Sessantacinque anni dopo l'epica battaglia di El Alamein che venne combattuta tra le dune desertiche dell'Africa Settentrionale e che vide il coinvolgimento di decine di migliaia di soldati italiani, male armati e privi...

Sessantacinque anni dopo l'epica battaglia di El Alamein che venne combattuta tra le dune desertiche dell'Africa Settentrionale e che vide il coinvolgimento di decine di migliaia di soldati italiani, male armati e privi dell'apporto logistico (armi, munizioni, viveri, mezzi di trasporto ecc?), che invece le truppe alleate possedevano in grande abbondanza, i paracadutisti della Folgore hanno festeggiato ieri la consegna a Raffaele Argenziano, uno degli eroi di El Alamein, ancora viventi, della onorificenza di Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica. L'onorificenza gli è stata consegnata nel corso di una cerimonia che si è tenuta presso la Prefettura di Caserta. Il 9 ottobre del 2006 fu la volta di Agostino Sasso, un altro dei cinquemila paracadutisti della Divisione "Folgore" che immolarono la loro giovane vita ad El Alamein e ricevettero l'onore delle armi da parte degli alleati. Raffaele ARGENZIANO, casertano doc, è nato a Recale il 26 dicembre 1920, ha, quindi, ottantasette anni, portati splendidamente. Fisico possente ed atletico si dedica giovanissimo all'arte pugilistica conseguendo risultati vincenti. Reclutato nel 1° reggimento Granatieri di Sardegna in Roma il 9 marzo 1940, transita a domanda nella specialità paracadutista e viene trasferito presso il 7° Battaglione Divisione Folgore - 21a Compagnia. Nei fatti d'arme di El Alamein viene catturato dagli inglesi il 6 novembre 1942 e vi rimane sino al 29 settembre 1944 quando, malato, viene sbarcato a Taranto. Durante la prigionia ha ingaggiato spesso con i propri carcerieri veri e propri incontri pugilistici al fine di difendere l'onore della Patria e dell'E.I.. Il diretto superiore di Argenziano lo propose quale Aiutante di Battaglia, ma nel marasma generale di quei tragici e dolorosi momenti la sua qualifica a tutt'oggi non è mai arrivata. Insieme ad Agostino Sasso è uno dei soci fondatori della sede di Caserta dell'ANPDI (Associazione Nazionale Paracadutisti d'Italia) di via Cesare Battisti nr. 8 ed è oggi socio Benemerito. Entrambi hanno pagato un duro prezzo durante la prigionia proprio perché non hanno mai voluto collaborare con gli inglesi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento