Al via l'Osservatorio sulla Fotografia di Paesaggio del Matese

Piedimonte Matese - L’Associazione di Promozione Sociale Renarossa Onlus, di Piedimonte Matese (Caserta) impegnata dal 2004 nella promozione del territorio del Matese, ha dato vita ufficialmente, con l’incontro del 30 dicembre tenutosi presso il...

osservatorio fotografia matese

L’Associazione di Promozione Sociale Renarossa Onlus, di Piedimonte Matese (Caserta) impegnata dal 2004 nella promozione del territorio del Matese, ha dato vita ufficialmente, con l’incontro del 30 dicembre tenutosi presso il Parco Archeologico di Monte Cila, all’Osservatorio sulla Fotografia di Paesaggio. Il progetto, patrocinato dal Comune di Piedimonte Matese, supportato da Enel Spa, realizzato con la partecipazione di Luigi Spina, fotografo campano di fama internazionale, come direttore artistico, ha l’obiettivo di trattare il tema della fotografia di paesaggio in riferimento al territorio del Matese, una riserva naturale che permette di godere di un paesaggio imponente, incontaminato e, in gran parte, ancora autentico.

Il suo obiettivo è quello di imporsi contro la sottovalutazione del patrimonio ambientale per cercare di creare i presupposti e gli strumenti di sviluppo e crescita muovendosi sul duplice binario del paesaggio e dell’antropologia, in un territorio in cui al paesaggio incontaminato fa riflesso la coesistenza di comunità che hanno fatto dell’isolamento un necessario modo di vivere e operare. L’attività dell’Osservatorio mira ad avere delle ricadute in termini di occupazione e di stimolo al turismo. Infatti, oltre all’attività istituzionale di promozione e tutela del territorio attraverso la produzione di ricerche fotografiche, nascerà anche una scuola di fotografia e dall’Osservatorio partiranno una serie di iniziative che coinvolgeranno abitanti e Associazioni del territorio e visitatori esterni, generando così necessità legate non solo alla logistica (spostamenti all’interno del territorio) ma anche alla sistemazione dei partecipanti con ricaduta sull’offerta turistica. Più vasta sarà la ricaduta legata alla diffusione dell’immagine di questo territorio: “vogliamo creare e promuovere una serie di immagini che assumano, per il grande pubblico, un significato fondamentale insinuandosi nella memoria collettiva così come tutti gli iconemi che caratterizzano il paesaggio italiano”.

L’Osservatorio sulla fotografia di Paesaggio nasce in un territorio in cui la presenza di Enel, quasi 100 anni, ha un forte valore storico e sociale, grazie anche all’attenzione che essa ha posto alle necessità economiche e socio-culturali del Matese. Nel sostenere il progetto ad Enel Produzione Spa viene ulteriormente riconosciuto il ruolo di attore attento ed interessato alle dinamiche sociali dei territori che presidia. L’Osservatorio avrà sede presso il Parco Archeologico di Monte Cila, area a ridosso della Centrale Vanvitelli di Piedimonte Matese, in parte data in concessione, per finalità turistiche, al Comune di Piedimonte Matese, proprio da Enel.

Potrebbe interessarti

  • Un casertano ai mondiali dei parrucchieri a Parigi

  • Frutti rossi ed anguria per combattere le gambe gonfie e pesanti

  • Trucco illuminante: ecco la nuova tecnica e come applicarla

  • Menopausa: ecco i consigli per viverla con serenità

I più letti della settimana

  • Pentiti ed arresti non hanno scalfito i Casalesi. Ecco la nuova mappa dei clan nel casertano I FOTO

  • Colpo da 'Zara', fermata dai carabinieri con mille euro in vestiti

  • Lutto a Caserta, muore avvocato

  • Trovato morto dalla moglie sotto il porticato di casa

  • Camion 'casertano' si schianta in autostrada e perde il carico | LE FOTO

  • Muore sul campo da calcetto stroncato da un malore

Torna su
CasertaNews è in caricamento