Cultura

Rinasce il Teatro Lirico, il Teatro dei Milanesi. Pisapia: Sara' dedicato a Gaber

(Milano) "Oggi non possiamo che pensare con gioia e gratitudine a Giorgio Gaber, protagonista indiscusso del teatro e in particolare del Teatro Lirico che porterà il suo nome. Il Lirico è pronto a rinascere come lo vogliamo: il Teatro dei Milanesi...

152123_lirico_pisapia

(Milano) "Oggi non possiamo che pensare con gioia e gratitudine a Giorgio Gaber, protagonista indiscusso del teatro e in particolare del Teatro Lirico che porterà il suo nome. Il Lirico è pronto a rinascere come lo vogliamo: il Teatro dei Milanesi, il teatro di tutti. Insieme al Consiglio Comunale abbiamo scelto di dire basta al buco nero del Lirico chiuso dal 1998 e insieme torneremo a farlo splendere tra i migliori teatri d'Europa. Voglio sottolineare come il progetto sia stato redatto interamente da architetti e tecnici del Comune, in collaborazione con il Politecnico. Questa scelta ha consentito in primo luogo di valorizzare le risorse interne, potendo destinare maggiori risorse ai lavori. Un progetto splendido, quello per il Lirico, che restituirà il teatro a Milano così com'era, con le sue splendide balconate, ma con tanta tecnologia e sicurezza in più al servizio di spettatori e artisti".

Lo ha detto il Sindaco Giuliano Pisapia intervenendo all'incontro pubblico in Sala Alessi ""Teatro Lirico. Un nuovo progetto per Milano, un restauro per il futuro".
"Abbiamo pensato a un Teatro Lirico disponibile anche per eventi culturali, di formazione e approfondimento per adulti e ragazzi, quando non ci saranno gli spettacoli. Il Lirico riaccenderà questa parte del centro di Milano. Sarà un luogo aperto, internazionale, capace di attrarre il meglio della scena mondiale, ma che sarà in rete con gli altri teatri milanesi. Sarà un teatro in cui si potrà entrare sempre e sentirsi a casa, in una grande casa di cultura e di libertà".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rinasce il Teatro Lirico, il Teatro dei Milanesi. Pisapia: Sara' dedicato a Gaber

CasertaNews è in caricamento