menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
144137_la-mia-classe-gaglianone

144137_la-mia-classe-gaglianone

Valerio Mastandrea e Daniele Gaglianone al Duel Village

Caserta - Il regista marchigiano Daniele Gaglianone e l'attore Valerio Mastandrea ospiti del Duel Village di Caserta martedì 4 febbraio nell'ambito di una puntata speciale del Cineforum promossa in collaborazione con l'associazione Caserta Film...

Il regista marchigiano Daniele Gaglianone e l'attore Valerio Mastandrea ospiti del Duel Village di Caserta martedì 4 febbraio nell'ambito di una puntata speciale del Cineforum promossa in collaborazione con l'associazione Caserta Film Lab e con il Centro sociale ex Canapificio. Sul grande schermo il docu-film 'La mia classe' - che verrà proiettato alle ore 18 e alle ore 21 - un esempio riuscito di sperimentazione linguistica, un film sull'immigrazione che esalta i valori della solidarietà e dell'integrazione sociale e affronta temi di particolare rilievo quali il lavoro e la scuola, utilizzando toni a volte toccanti, a volte anche molto divertenti. Per la sua particolare struttura, 'La mia classe' offre anche la possibilità di analizzare il lavoro di un regista sul set e di esplorare il sottile confine tra realtà e finzione che esiste in opere di alto valore sociale e civile come questa. Il film si muove infatti su due livelli: l'unico attore è Mastandrea, gli altri, 17 immigrati provenienti da 13 Paesi diversi, sono studenti autentici (incontrati dal regista nei vari corsi di italiano sparsi nella Capitale), ognuno con i propri problemi e le proprie aspettative. Gaglianone ha deciso di puntare tutto su questo doppio registro quasi ci volesse ricordare da un lato l'impotenza del cinema nell'affrontare e risolvere problematiche che lo superano e dall'altro la necessità, per chi il cinema lo fa, di non sottrarsi mai alla realtà per rifugiarsi in un mondo in cui l'autoreferenzialità rischia di fagocitare tutto. Il film di Gaglianone offre infatti molti spunti di riflessione sulla situazione dei migranti nel nostro Paese. 'Avere un permesso di soggiorno e poterlo rinnovare alla scadenza è di vitale importanza per i migranti che vivono in Italia - spiegano i rappresentanti del centro sociale ex Canapificio di Caserta - l'esperienza vissuta da Gaglianone nel realizzare il film ce lo insegna. Quando a uno degli attori del cast viene comunicata l'impossibilità di poter rinnovare il permesso di soggiorno, l'intera troupe si trova di fronte ad un bivio: con¬ti¬nuare a far lavorare quel ragazzo o abban¬do¬nare tutto. L'attuale legge sull'immigrazione non favorisce infatti la regolarità di chi vive e lavora da anni nel nostro Paese, gettando da un giorno all'altro una persona nel baratro dell'irregolarità. Dieci anni di lotta al fianco del Movimento dei Migranti e Rifugiati di Caserta ci hanno insegnato che a partire dal permesso di soggiorno si può costruire un percorso di inclusione sociale. E' il primo requisito che tutti i migranti cercano e che vogliono mantenere per poter vivere una vita degna di essere chiamata tale. Le continue tragedie dei morti in mare evidenziano che non vi sono possibilità di entrare regolarmente in Italia né per gli immigrati né per i rifugiati. Così accade che in molti, loro malgrado, si ritrovino in una situazione di irregolarità all'ingresso in Italia e anche chi per anni ha avuto un regolare permesso di soggiorno, possa perderlo a causa del mancato rinnovo di un contratto di lavoro. Le difficoltà di ottenere e mantenere un permesso di soggiorno rendono un immigrato ricattabile, costringendolo ad accettare 10-12 ore di lavoro al giorno per meno di 25 euro, o ad affittare casa fatiscenti senza contratto e senza sicurezza. Sul nostro territorio abbiamo visto proprio gli effetti negativi di una politica propagandistica dell'immigrazione completamente sbagliata, lontana dalle esigenze e dai problemi reali dei migranti e dei rifugiati che vivono in provincia di Caserta soprattutto nell'area di Castel Volturno. Bisogna avere il coraggio di riformare le leggi in materia di immigrazione abolendo la Bossi-Fini riparando ai gravissimi errori fatti fino ad ora, ripensando al sistema di ingressi regolari, alla possibilità di regolarizzare chi vive, ama, lavora in Italia e dare la cittadinanza a chi nasce e cresce in Italia. Magari la sottile denuncia di un film come questo servirà a far riflettere e pretendere un cambiamento'. In sala martedì anche l'aiuto regista Davide Zurolo e due dei giovani protagonisti. Gaglianone, Mastandrea e tutto il cast incontreranno il pubblico alle ore 19.45 al termine della prima proiezione. Seguirà, dopo la proiezione delle 21, nel foyer del cinema una festa con degustazioni etniche organizzata da Caserta Film Lab e centro sociale ex Canapificio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

'AstraDay', 24 ore di vaccino per tutti a Caserta: ecco come prenotarsi

Ultime di Oggi
  • Attualità

    La Brigata dei vaccini festeggia le 100mila dosi in 2 mesi | FOTO

  • Cronaca

    Docente e 5 studenti positivi, chiusa la scuola media

  • Cronaca

    Dissequestrati due lidi dopo il ricorso al Riesame

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Gomorra 5, riprese nel Casertano: fan in delirio

  • social

    Paura per Awed: sviene all'Isola dei Famosi: "Dimagrito troppo"

  • social

    Nonna Rosa festeggia 101 anni: l'omaggio del sindaco | FOTO

Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento