menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
132945_barchetta

132945_barchetta

La Santa Pasqua in Musica, dirige il Maestro Antonio Barchetta

Maddaloni - 'Associazione ONLUS Culturale Musicale "Aniello Barchetta" nel periodo pasquale, come accade da decenni, propone due antiche tradizioni musicali: "La Desolata" e "L'Agonia".I Canti della Passione " La Desolata" caratterizzeranno i...

'Associazione ONLUS Culturale Musicale "Aniello Barchetta" nel periodo pasquale, come accade da decenni, propone due antiche tradizioni musicali: "La Desolata" e "L'Agonia".I Canti della Passione " La Desolata" caratterizzeranno i prossimi appuntamenti.Gli appuntamenti di cui prendere subito nota per il 2014 sono due.
Il primo è a Maddaloni presso la Chiesa di San Francesco giovedì 10 aprile 2014 alle ore 18.30 dove sarà tenuta, a cura della guida spirituale della chiesa, una meditazione sulla tematica del periodo liturgico da parte di P. Edoardo Scognamiglio Ofm Conv.Il secondo appuntamento è per il giorno lunedì 14 aprile 2014 alle ore 18.30 nella Chiesa di San Nicola di Bari nella frazione Santa Barbara di Caserta. Qui la meditazione sarà fatta dal parroco don Giuseppe di Bernardo.
Le due serate vedranno impegnate l'Orchestra e Coro dell'Associazione Culturale Musicale Onlus "Aniello Barchetta", la presenza della Solista N. D. Ornella Di Benedetto e la partecipazione del Soprano N.D. Marisa Caccavale nonché dei baritoni Maestro Fabrizio Crisci e Rosario Grauso. La direzione è affidata al presidente del Sodalizio Maestro Antonio Barchetta.Nel corso dei due appuntamenti saranno eseguiti brani dallo Stabat Mater di Pergolesi e di Rossini, dal Requiem di Verdi, dalla Desolata di Longo, dall'Agonia di Acton e di Busacca e il famoso canto maddalonese "O dolorosa Vergine".

Il Maestro Antonio Barchetta in questi anni oltre alla promozione di quello che era l'antico repertorio musicale maddalonese in voga fino a metà del secolo scorso ha avviato anche uno studio d'indagine antropologico sugli stessi e sulle manifestazioni collegate.Le rappresentazioni in questione, si evidenzia da questa analisi, sono costituite da un mirabile collage di canti, preghiere e riflessioni ispirate alla Passione di Gesù e al dolore di Maria, Madre Desolata.
La Desolata affonda le sue radici nel '600 ed è un'antica tradizione dei Padri dell'Oratorio di S. Filippo Neri che hanno sempre avuto una particolare devozione verso la Madonna Addolorata.In molti città questo grande patrimonio culturale musicale purtroppo è andato perduto. Dopo un'attenta ricerca il Maestro Antonio Barchetta è riuscito a riprendere canti della tradizione popolare e insieme a composizioni di autori famosi propone i sette momenti musicali classici di questa pia tradizione. Quasi tutte le composizioni della Desolata hanno usufruito dei testi scritti dal grande poeta e librettista italiano Pietro Metastasio (1698-1782) il quale ha scritto in quartine i tragici eventi di duemila anni fa che vengono ricordati dalla chiesa ogni anno nel periodo pasquale.Del Metastasio hanno musicato i versi il bravo musicista Francesco Busacca da Marcianise, Bottigliero, Brignola, Vanore e il grande compositore napoletano Alessandro Longo che ci ha lasciato una splendida Desolata. Più recentemente Michele Mondo ha musicato quei versi.Una citazione a parte merita il prolifico musicista Frate Serafino Marinosci O.F.M. che nel 1914, con la Casa Editrice R. Izzo ha pubblicato un Opera 56 intitolata "La Desolata" su versi di Virginia Attanasio e che così dedica: "alla santa memoria di mia madre". Importante in questa opera sono le continue ricerche di nuovi temi che alla fine rendono la composizione di grande effetto.Altro grande autore che con la sua opera 30 ha voluto lasciare traccia delle "Ultime Sette Parole del Redentore" o agonia, è stato Ch. Acton che ha dedicato questa opera a Suor Eleonora Cordero, Visitatrice delle Figlie della Carità nelle Provincie Meridionali. La pubblicazione è edita dalla Ricordi e purtroppo non si trova più in commercio.Il Maestro Antonio Barchetta, nel ringraziare a nome proprio e dell'Associazione culturale musicale Onlus "Aniello Barchetta", il pubblico che è accorso alle manifestazioni, le comunità della Chiesa di San Francesco di Maddaloni e la sua guida P. Edoardo Scognamiglio, la Comunità parrocchiale di San Nicola di Bari di Santa Barbara ed il suo parroco don Giuseppe di Bernardo, la Regione Campania, la Provincia di Caserta, il Comune di Caserta, il Comune di Maddaloni, i mezzi di comunicazione di massa che promuovono il cicli di eventi dell'associazione, ed invita a seguire gli stessi, attraverso le news del sito: www.associazionebarchetta.org.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

'AstraDay', 24 ore di vaccino per tutti a Caserta: ecco come prenotarsi

Attualità

'AstraDay', il sito dell'Asl va subito in tilt per migliaia di accessi

social

Gomorra 5, riprese nel Casertano: fan in delirio

Attualità

La Brigata dei vaccini festeggia le 100mila dosi in 2 mesi | FOTO

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento