Cultura

Testa di eta' romana, Gambari 'Mai detto che sia Agrippina Minore o che venga da Pompei'

Pompei - La Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Emilia-Romagna non ha mai attribuito ad Agrippina Minore la testa in terracotta sequestrata a Piacenza dal Comando Provinciale dei Carabinieri, nè ha mai detto che venga da Pompei, né lo ha...

111942_agrippina

La Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Emilia-Romagna non ha mai attribuito ad Agrippina Minore la testa in terracotta sequestrata a Piacenza dal Comando Provinciale dei Carabinieri, nè ha mai detto che venga da Pompei, né lo ha fatto l'archeologa Roberta Conversi presente alla conferenza stampa di ieri a nome dell'Istituto.

Quanto riportato ieri dall'Ansa non può essere attribuito a dichiarazioni di funzionari di questa Soprintendenza che in realtà hanno potuto maneggiare per la prima volta il reperto solo pochi minuti prima dell'incontro con la stampa. Da un primo esame effettuato all'atto della consegna, riteniamo si tratti di una testa appartenente ad una statua fittile realizzata a matrice.La testa, che faceva forse parte di una statua di offerente probabilmente destinata a un santuario o di un gruppo in terracotta inserito nel frontone di un tempio, non può in alcun modo essere identificata né con Agrippina Minore né con alcun membro femminile della famiglia imperiale.
Per gli aspetti iconografici e dal confronto con reperti analoghi, la scultura rientra certamente nelle produzioni destinate ad ambiti sacri e la sua datazione va collocata tra il II e I secolo a.C.Da un primo esame autoptico, la testa sembra difficilmente compatibile con una produzione di area vesuviana. Il reperto si inquadra nell'ambito delle produzioni di statue fittili tardo repubblicane di fine II sec. - inizio I a.C., di ambito culturale Laziale - Campano settentrionale, prodotto che ha una possibile diffusione anche nelle colonie di diritto latino.Il reperto è stato consegnato ieri a questa Soprintendenza che effettuerà le analisi atte a definirne datazione e provenienza. Solo l'analisi petrografica, che prenderà in esame l'argilla impiegata, gli inclusi contenuti nel manufatto e la terra di scavo in parte ancora presente nel reperto, potrà stabilire univocamente l'area di produzione e la zona esatta di reperimento.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Testa di eta' romana, Gambari 'Mai detto che sia Agrippina Minore o che venga da Pompei'

CasertaNews è in caricamento