menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
100814_LocandinaMiriamMaria2015_2

100814_LocandinaMiriamMaria2015_2

In Nome della Madre da Erri de Luca al Teatro Comunale di Sessa

Sessa Aurunca - In Nome della Madre da Erri de Luca è lo spettacolo ad ingresso libero che presentano le O.K.A. al Cinema Teatro Comunale di Sessa Aurunca, lunedì 5 gennaio alle ore 20.00. Una scelta ponderata quella dello storico gruppo che ha...

In Nome della Madre da Erri de Luca è lo spettacolo ad ingresso libero che presentano le O.K.A. al Cinema Teatro Comunale di Sessa Aurunca, lunedì 5 gennaio alle ore 20.00. Una scelta ponderata quella dello storico gruppo che ha deciso di aprire la stagione teatrale 2015 con uno spettacolo così delicato e forte nello stesso tempo, colonna nel repertorio delle Officine Kulturali Aurunke. In scena Monica Aulicino, protagonista dalla limpida espressività, che sarà voce recitante e solista di canto; il sottofondo musicale è affidato alle percussioni di Teodoro Delfino; la regia invece è di Giulia Casella che sapientemente racconta la storia di Maria, di come questa adolescente sia diventata donna all'improvviso con l'annuncio dell'angelo. È una storia umana, una storia "di carne" quella che qui viene messa in scena.
" Qui c'è la storia di una ragazza, operaia della divinità, narrata da lei stessa. Le notizie su Miriam/Maria provengono dalle pagine di Matteo e di Luca. - racconta Erri de Luca - Non è scritto nei loro libri che nella stalla c'erano levatrici o altro personale intorno al parto. Partorì da sola. Questo è il maggior prodigio di quella notte di natività: la perizia di una ragazza madre, la sua solitudine assistita. " In nome del Padre: inaugura il segno della croce. Con In nome della madre s'inaugura la vita". Giulia Casella realizza uno spettacolo teatrale particolare che procede con una stringente emotività: "Berukhà att'miccòl hannashìm-Benedetta tu più di tutte le donne". In questo annuncio dell'Angelo, ha affermato, c'è già la luce della fede: quella di Miriam-Maria che accetta che il suo corpo sia trasformato in zolla di terra senza aiuto d'uomo e la fede di Josef-Giuseppe che crede a un evento biologicamente inspiegabile con i mezzi della ragione umana: quello della vergine-madre. E poi la Grazia - continua Casella - il dono che conferisce ai due sposi la forza sovrumana di affrontare il mondo a loro ostile.La direzione artistica è di Pasquale Stanziale compagno artistico della Casella che con questo spettacolo lasciano un segno profondo nel cuore del pubblico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

'AstraDay', il sito dell'Asl va subito in tilt per migliaia di accessi

Attualità

AstraDay, prenotazioni ‘accavallate’: l’Asl cambia gli orari

Ultime di Oggi
  • Incidenti stradali

    Furgone contro camion sull’Appia: muore autista

  • Cronaca

    "Amianto interrato", sequestrato complesso residenziale

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento