Si presenta libro 'Un Paese e la Guerra' del Professore Vigliotti

Vairano Patenora - "Gli esseri umani vogliono la pace, ma al tempo stesso bramano la guerra". Il 1915 e il 1945, sono due date che testimoniano quanto sia vera questa affermazione, due date che l'umanità e la storia non potranno mai dimenticare...

083211_vigliotti

"Gli esseri umani vogliono la pace, ma al tempo stesso bramano la guerra". Il 1915 e il 1945, sono due date che testimoniano quanto sia vera questa affermazione, due date che l'umanità e la storia non potranno mai dimenticare. Due date che segnano l'inizio di due grandi e sanguinosi eventi come la Prima e la Seconda Guerra Mondiale che hanno caratterizzato il ventesimo secolo. La Pro Loco Cancello Scalo, con appuntamenti mirati, vuole ricordare questi due nefasti eventi per esorcizzare altre catastrofi di questo genere, affinché, come diceva Kennedy "l'umanità metta fine alla guerra prima che questa metta fine all'umanità". Il primo appuntamento è quello di domani, sabato 2 maggio, presso la saletta degli incontri del Soul Express Cafè di Cancello Scalo, alle ore 18.00, dove sarà presentato l'ultimo libro scritto dal Rettore del Convitto Nazionale "Giordano Bruno di Maddaloni, Michele Vigliotti, dal titolo "Un Paese e la Guerra". E' una raccolta di racconti incentrati proprio su questa tematica che comprende storie vere esposte da chi le ha vissute in prima persona, per farci capire meglio cos'è davvero la guerra e da cosa è portata. Nella prefazione si legge che "la guerra la porta quel gran cornuto del diavolo!"; e chi è il diavolo se non noi stessi? L'essere umano nella sua arroganza e sete di potere crea il diavolo, che a sua volta dà vita alla guerra; è stato così in passato e sarà così anche in futuro. La speranza è che si faccia tesoro di queste storie dei nostri paesani, raccolte dal Rettore in questo volume, testimonianze di eroi, spesso anonimi, spesso giovanissimi, che hanno combattuto per il proprio paese, per le proprie famiglie, per la pace e soprattutto per un futuro migliore, e che hanno ricevuto in cambio solo la morte e un'illusione, la più grande di tutte le illusione: che il mondo sia finalmente riuscito a superare le lotte e sia entrato in un periodo di pace. Il mondo è attualmente come un vulcano quiescente, pronto ad esplodere alla prima scintilla. E' per questo che libri come "Un Paese e la Guerra" sono necessari; bisogna diffondere il messaggio, farlo percepire alle menti, ai giovani per far capire che l'umanità se non cambia passo è alla fine della sua storia. A condurre i lavori sarà Vincenzo Della Torca, interverranno Carlo Petrella, fondatore della "Locanda del Gigante" e lo stesso autore del libro, Michele Vigliotti. Il secondo appuntamento che la Pro Loco ha programmato è per settembre, nell'ambito della XXV edizione del "San Felice Art Festival".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morti al ritorno dal mare, lacrime e dolore per l’addio a Donato ed Asia

  • Le nuove leve dei Casalesi con a capo il figlio del boss: 18 arresti

  • Pentito svela la 'strategia del clan': "Bloccavamo gli imprenditori di Zagaria in cambio del 10% dell'appalto"

  • False ricette per intascare i soldi dall'Asl Caserta: chiuse le indagini per 14 persone

  • Botto in autostrada, auto distrutte dopo lo schianto | FOTO

  • Le confessioni in carcere del rampollo: “10mila euro al mese al padre ergastolano. Ha incontrato Zagaria a Modena”

Torna su
CasertaNews è in caricamento