Cultura

Siria, anche a Caserta la veglia chiesta dal Papa per pregare per la Pace

Caserta - Per rendere visibile il concetto che "la Pace è Dono di Dio" l'ostensorio con Gesù Eucarestia sarà circondato da rami di ulivo in segno di Pace.La Veglia straordinaria mondiale di Preghiera per la Pace –indetta dal Papa- viene inserita...

Per rendere visibile il concetto che "la Pace è Dono di Dio" l'ostensorio con Gesù Eucarestia sarà circondato da rami di ulivo in segno di Pace.La Veglia straordinaria mondiale di Preghiera per la Pace -indetta dal Papa- viene inserita proprio nelle celebrazioni dell'Addolorata nel duomo, promosse dal parroco don Enzo De Caprio e dalla parrocchia San Michele Arcangelo in occasione del 115 dell'incoronazione della sacra effige come "Madre e Regina dei Casertani". Proprio questa prima settimana di settembre è stata dedicata parroco don Enzo al tema: "Maria Madre dell'Eucarestia" con apertura del duomo fino alle 22,30 con la possibilità di confessarsi.
Nell'Angelus di domenica scorsa il Papa ha chiesto di intercedere presso la Madonna: "A Maria chiediamo di aiutarci a rispondere alla violenza, al conflitto e alla guerra, con la forza del dialogo, della riconciliazione e dell'amore. Lei è madre: che Lei ci aiuti a trovare la pace; tutti noi siamo i suoi figli! Aiutaci, Maria, a superare questo difficile momento e ad impegnarci a costruire ogni giorno e in ogni ambiente un'autentica cultura dell'incontro e della pace."
Sarà sabato prossimo "una catena di impegno per la pace" che unisca tutti gli uomini e le donne di buona volontà con un forte e pressante invito esteso a tutti i cristiani di altre Confessioni, agli uomini e donne di ogni Religione e anche a quei fratelli e sorelle che non credono: la pace è un bene che supera ogni barriera, perché è un bene di tutta l'umanità.Perché non è la cultura dello scontro, la cultura del conflitto quella che costruisce la convivenza nei popoli e tra i popoli, ma questa: la cultura dell'incontro, la cultura del dialogo; questa è l'unica strada per la pace.

Il grido della pace si levi alto -anche dal cuore di Caserta e dei Casertani -perché giunga al cuore di tutti e tutti depongano le armi e si lascino guidare dall'anelito di pace.Anche da Caserta si alza forte il "grido che sale da ogni parte della terra, da ogni popolo, dal cuore di ognuno, dall'unica grande famiglia che è l'umanità, con angoscia crescente: è il grido della pace!".(Angelus del Papa 1 settembre 2013)
Secondo il desiderio di Papa Francesco nella Cattedrale di Caserta sabato 7 settembre "ci riuniremo in preghiera e in spirito di penitenza per invocare da Dio questo grande dono per l'amata Nazione siriana e per tutte le situazioni di conflitto e di violenza nel mondo" con l'Adorazione Eucaristica dalle 19 alle 23.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Siria, anche a Caserta la veglia chiesta dal Papa per pregare per la Pace

CasertaNews è in caricamento