Al Museo darte contemporanea e design 'Magma' si inaugura la prima mostra di 'Flogisto, arti in eruzione'

Roccamonfina - Il 23 agosto 2014, alle ore 19:00, presso il Museo d'arte contemporanea e design MAGMA, sito nel palazzo dei congressi di Roccamonfina (CE), si terrà l'inaugurazione della prima mostra di FLOGISTO. Dopo i saluti del Sindaco e degli...

080359_museo_magma

Il 23 agosto 2014, alle ore 19:00, presso il Museo d'arte contemporanea e design MAGMA, sito nel palazzo dei congressi di Roccamonfina (CE), si terrà l'inaugurazione della prima mostra di FLOGISTO. Dopo i saluti del Sindaco e degli operatori la visita alla mostra sarà accompagnata dalle prelibatezze Lisita di Mondragone e dai vini Telaro.
FOGISTO nasce come Associazione culturale di riferimento al MAGMA, che ormai è un punto di riferimento edi incontro tra l'arte del territorio campano e quella nazionale.Gli iscritti esporranno in tutte le mostre museali, mentre un'opera rappresentativa sarà esposta in un'area didattica appositamente allestita. Inoltre avranno la disponibilità di un laboratorio dove poter creare le proprie opere e potranno proporre altri eventi al Consiglio Direttivo, in una vera e concreta sinergia organizzativa.
Le mostre del Museo, di conseguenza, grazie alla nuova associazione Flogisto, cambieranno struttura: non saranno più rare ed affollate di artisti, ma avranno una cadenza più frequente e saranno dedicate solo a pochi artisti per una migliore fruibilità delle opere.
Il perché di questo nome alla nuova associazione è descritto sinteticamente da uno dei critici d'arte del MAGMA, il dottor Emiliano D'Angelo: FLOGISTO è il meta - tema degli elementi primordiali e della Natura come opera d'arte. Il titolo riecheggia il nome che gli scienziati - alchimisti del XVII secolo assegnarono a quel fantomatico agente naturale che avrebbe permesso, nella loro concezione del cosmo, la combustione della materia a contatto con il calore. Più un minerale era infiammabile, più era ritenuto ricco di flogisto (zolfo e carbone erano interamente fatti di flogisto, i metalli ne erano tendenzialmente privi).L'allusione è, nel nostro caso, alla combustione creativa, al fuoco della civiltà e della bellezza che si sostituisce provvidenzialmente, nel corso della Storia, a quello brutale e distruttivo del vulcano (spento ormai da milioni di anni). La simbologia profondamente ambivalente del fuoco, forgiata fin dall'antichità preclassica dai filosofi della "physis" come Empedocle, Demostene ed Eraclito, rivivrà nelle opere degli artisti di FLOGISTO in un confronto avvincente.
L'organizzazione è curata da Paolo Feroce, direttore artistico del MAGMA e dell'Osservatorio Artistico (legato alle ville, dimore e corti lombarde nel periodo Expo 2015). A sostenerlo nell'organizzazione di Flogisto l'Arch. Raffaello Paiella di Roma, la storica dell'arte Rosella Verdolotti di Sondrio, Enrico Cardellino, Emiliano D'Angelo, Antonio Dell'Estate, Alberto Ferraro e Massimo Migliozzi di Teano, Enzo Ventrone di Mondragone, Giorgio Galano di Marzano Appio e Angela Ferruolo di Roccamonfina.
I primi artisti presentati dall'Associazione FLOGISTO sono Daniela Dente di Milano, Enrico Carniani di Firenze, Diego Valentinuzzi di Monfalcone, Antonella Rizzo di Roma, Cristina Cianci di Portici, Daniela Ciorcato e Giuseppe Gargiulo di Napoli, Epifanio Matè di Ivrea, Tania Pennestrì di Caserta, Angelo De Masi di Teano e Giuseppe Caudullo di Catania.Ovviamente saranno visibili le collezioni permanenti d'arte contemporanea, design, geologia del territorio e degli artisti storici dell'area casertana. Per gli orari di apertura consultare il sito di riferimento al Museo: www.osservatorioartistico.org.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

Torna su
CasertaNews è in caricamento