Lunedì, 14 Giugno 2021
Cultura

P.Rungi (Teologo morale). 'Monsignor Schettino un vescovo orante e dalla spiccata carita' verso gli ultimi

Capua - "Persona umile, amava il sevizio silenzioso e meno appariscente, sempre dalla parte dei più deboli per la sua personale propensione alla sofferenza dei fratelli in difficoltà, che nell'arcidiocesi di Capua presenta il volto più doloroso...

"Persona umile, amava il sevizio silenzioso e meno appariscente, sempre dalla parte dei più deboli per la sua personale propensione alla sofferenza dei fratelli in difficoltà, che nell'arcidiocesi di Capua presenta il volto più doloroso con la problematica degli immigrati di colore", è quanto ha detto padre Antonio Rungi, passionista, teologo morale, commentando la triste notizia della morte di mons. Bruno Schettino, arcivescovo di Capua, deceduto nelle prime ore del 21 settembre per arresto cardiocircolatorio, nella sede episcopale di Capua. "La caratteristica principale di questo zelante pastore della chiesa capuana era il suo spirito di preghiera e di orazione. Pregava molto e chiedeva di pregare molto ai suoi sacerdoti e ai tanti fedeli della diocesi di Capua che incontrava sistematicamente durante le sue brevi o lunghe visite pastorali alle comunità parrocchiali. Nella preghiera ha organizzato il suo modo di vivere per gli altri, in particolare per quanti -ha detto padre Rungi- non avevano nulla, erano privati spesso della loro stessa dignità di persone umane, dietro interessi di vario genere che rendono schiave le persone quando sono in cerca di tutto. La mia personale conoscenza dell'arcivescovo si è strutturata nel tempo attraverso incontri presso il Centro Fernandes di Caste Volturno, cuore dell'ospitalità della Diocesi di Capua verso gli immigrati di colore, negli incontri con il clero promossi con costanza e sempre presieduti dall'arcivescovo, specie delle grandi circostanze della vita della chiesa e del cammino liturgico, nelle visite pastorali che faceva alle parrocchie, dove predicavo in preparazione alle feste varie che sul territorio diocesano sono molteplici. Con la sua scomparsa -ha concluso padre Rungi- va via una mente ed un cuore di pastore molto attento a tutti i fenomi sociali e non solo a quelli degli immagri ed emigrati. Un attento osservatore, ma anche un sapiente consigliere per tutti al fine di intervenire con concretezza e competenza per la soluzione dei problemi. Pur essendo molto umile, aveva il coraggio dei forti, di quei forti nella fede, che non fa temere coloro che possono uccidere il corpo, piuttosto coloro che possono uccidere il cuore ed estinguere la speranza nel popolo di Dio e nella comunità civile. Sempre dalla parte degli ultimi le sue sono state lotte per la pace e la giustizia sociale, lotte per la reciproca accoglienza pur essendo di varie religioni e provenienze, lotte contro il male oscura della depressione sociale ed economica del territorio, lotta contro ogni forma di violenza, terrorismo, distruzione ed alienazione della persona umana e dei diritti fondamentali di ogni uomo. La sua è stata una lotta per la causa dell'uomo e della causa del Vangelo della carità. Per un vescovo che prega, crede, ama e spera e naturale tutto questo e per monsigno Schettino è stato tutto logico secondo la sapienza del Vangelo della passione di Cristo e della vita. Come religiosi passionisti, molto impegnati nella predicazione nell'arcidiocesi di Capua, siamo vicini ai sacerdoti, ai fedeli e alla comunità civile del territorio. Siamo vicini con la preghiera ai parenti, conoscenti ed amici dell'amato e stimato pastore dell'arcidiocesi di Capua".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

P.Rungi (Teologo morale). 'Monsignor Schettino un vescovo orante e dalla spiccata carita' verso gli ultimi

CasertaNews è in caricamento