Cultura

Suggestioni e magia per Giovanni Allevi a San Leucio

Caserta - "Il mio amore segreto è la musica, è il pianoforte, ma non è un grande segreto". Così il pianista Giovanni Allevi prima di Secret Love, uno dei brani eseguiti per il concerto che ha aperto la quindicesima edizione del Leuciana Summer...

072820_allevi_san_leucio

"Il mio amore segreto è la musica, è il pianoforte, ma non è un grande segreto". Così il pianista Giovanni Allevi prima di Secret Love, uno dei brani eseguiti per il concerto che ha aperto la quindicesima edizione del Leuciana Summer Festival 2014, organizzato dalla Città di Caserta con il contributo della Regione Campania e dell'Unione Europea per la direzione artistica di Donato Tarataglione.
Nella magica atmosfera del Belvedere di San Leucio il calore avvolgente di un pubblico attento ed entusiasta ha reso omaggio al concerto di piano solo di Allevi. Il musicista ha eseguito brani tutti di sua composizione.
In apertura CASSETTO, come scrigno delle proprie emozioni e dei propri ricordi. A seguire LE SOLE NOTIZIE CHE HO, una composizione di due minuti che lo ha impegnato nel corso di quattro anni. E ancora ROOM 108, dove ricorda "la prima stanza d'albergo in cui ha soggiornato d'artista". JAPAN, la sua prima composizione scritta all'età di 17 anni. Particolarmente toccante l'esecuzione di HELENA, dedicata ad una pianista che ha perso l'uso di una mano. "La nostra forza è la nostra fragilità": questa frase che ha introdotto il brano BACK TO LIFE, frase che sembra essere la "filosofia guida" della scrittura musicale di uno dei maggiori compositori del panorama internazionale.
Un successo annunciato che ha consentito ad Allevi di regalarsi e regalare un concerto "intimo", fatto di note ed anche parole, rubate qua e là ad esperienze di vita e messe in fila con la complicità di composizioni entrate di diritto nella musica classica contemporanea. Applausi, tre bis ed una fila interminabile per il rito della firma degli autografi: tutto come nelle più rosee previsioni mentre una splendida sera d'estate tornava a farsi largo tra le nuvole dissipate dalla musica.
Evento che ha visto tornare a brillare d'arte e di storia tutto il Belvedere di San Leucio e molto apprezzata dal pubblico è stata la soluzione di realizzare nel Cortile di Re Ferdinando una installazione d'arte pubblica che ha accolto i visitatori nell'abbraccio dell'utopia ferdinandea. Volumia, questo il titolo dell'opera, che si lascia vivere ed abitare anche per seguire in diretta il concerto sul maxischermo. Un progetto dell'architetto Diana Ciufo, a cura di Isabella Indolfi: una piccola città che si appoggia sulle solide basi del Complesso del Belvedere, che della grande idea di Ferdinandopoli fu l'unica parte realizzata. Fatta di tribune, corridoi, specchi e luce, Volumia è percorribile e permeabile al pubblico; ci saranno luoghi da poter usare, altri nei quali soffermarsi a guardare, altri ancora che dove riflettere ed altri ancora per emozionarsi.

Intanto, cresce l'attesa per Luca Carboni, protagonista della seconda serata del Festival, mentre sabato 27 luglio la rassegna accenderà i riflettori su Enrico Ruggeri. La manifestazione poi continuerà con Noemi (27.07), RON (28.07), Samuele Bersani (29.07), Avion Travel (30.07). I biglietti per il concerto di Enrico Ruggeri, dal valore "simbolico" di 2 euro + D.P. con posto unico numerato, sono ancora disponibili presso Ticketteria (0823 353336) di Via Gemito 81 a Caserta o su www.go2.it.
Per tutte le altre informazioni www.leucianasummerfestival.it.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Suggestioni e magia per Giovanni Allevi a San Leucio

CasertaNews è in caricamento