Lunedì, 17 Maggio 2021
Cultura

Le novita' in anteprima al Salone del Mobile 2014

(Milano) Il Salone del Mobile è il punto di riferimento a livello mondiale del settore Casa-Arredo e strumento dell'industria che trova in esso uno straordinario veicolo di promozione.Nasce nel 1961 con l'intento di promuovere le esportazioni...

071112_salone_mobile_milano

(Milano) Il Salone del Mobile è il punto di riferimento a livello mondiale del settore Casa-Arredo e strumento dell'industria che trova in esso uno straordinario veicolo di promozione.Nasce nel 1961 con l'intento di promuovere le esportazioni italiane di mobili e complementi, impegno che ha soddisfatto pienamente divulgando nel mondo la qualità del mobile italiano e che continua a soddisfare essendo estera più della metà dei suoi visitatori.
Grazie al successo dell'ultima edizione - con 285.698 visitatori di cui 193.024 esteri a cui si aggiungono le oltre 38.000 presenze di pubblico nel weekend e i 6.578 operatori della comunicazione - si conferma il palcoscenico esclusivo su cui presentare le ultime novità in fatto di arredo.L'appuntamento con il prossimo Salone Internazionale del Mobile è dall'8 al 13 aprile 2014.

Dedicato ai giovani under 35, il SaloneSatellite torna al Salone del Mobile con una nuova collocazione: sarà nei padiglioni 13-15, in una posizione molto più funzionale, facilmente raggiungibile dalla centrale Porta Sud e dal Centro Servizi.
Dopo l'interesse suscitato nella scorsa edizione tornano le botteghe artigiane anch'esse legate al tema dell'innovazione: quest'anno maestri del tessuto, della ceramica, della pelle e della stampa 3D (artigianato digitale) daranno valore attraverso varie dimostrazioni a ciò che sta dietro agli oggetti facendo entrare lo spettatore in diretta relazione non solo con chi li progetta e li produce ma anche con chi li costruisce. Il tema risponde al bisogno sempre crescente dei giovani designer di oggi di integrare la tradizione dell'artigianato con le moderne possibilità che offrono la progettazione e la produzione industriale.
Dopo la rigorosa selezione di un prestigioso Comitato, composto da personalità di rilievo, si presentano al SaloneSatellite circa 650 giovani designer di cui il 45% ritorna per la seconda o terza volta.
Arriva alla 5a edizione il concorso SaloneSatellite Award, istituito per favorire contatti mirati tra gli under 35 e le aziende espositrici al Salone del Mobile, in particolare quelle delle manifestazioni biennali che lo affiancano - per questa edizione, EuroCucina e Salone Internazionale del Bagno. Ai partecipanti del SaloneSatellite viene infatti richiesto di presentare in aggiunta ai loro prototipi uno o più progetti attinenti alle varie merceologie. Una Giuria formata da personalità di rilievo internazionale nel mondo del design, della progettazione e della produzione - sceglierà i 3 progetti migliori.
Anche per questa edizione, il SaloneSatellite rinnova la collaborazione con il department store milanese la Rinascente, che selezionerà i prodotti disegnati dai giovani designer partecipanti per poi metterli in mostra e in vendita al Design Supermarket di Milano, in Piazza Duomo, da Settembre a Natale 2014.La mostra-evento "Dove vivono gli architetti", appositamente pensata per la 53a edizione del Salone Internazionale del Mobile è nata dall'intento di arricchire la proposta commerciale del Salone del Mobile con una prestigiosa e valida offerta culturale.
Attraverso installazioni ispirate ai diversi modi di immaginare lo spazio domestico, la mostra racconta in esclusiva "le stanze" private di otto tra i più autorevoli esponenti del mondo dell'architettura internazionale: Shigeru Ban, Mario Bellini, David Chipperfield, Massimiliano e Doriana Fuksas, Zaha Hadid, Marcio Kogan, Daniel Libeskind e Studio Mumbai/Bijoy Jain.

Degli architetti siamo abituati a vedere le opere, quelle concepite per gli altri e per le vite degli altri. Ma dove vivono gli architetti, o meglio, cosa sono e come sono le loro case? Un riflesso preciso della loro poetica progettuale, una sperimentazione assoluta o qualcosa d'altro? "Dove vivono gli architetti" vuole rispondere a queste domande e curiosità e allo stesso tempo allargare la visione all'architettura domestica. Il concept dell'evento risiede infatti nella convinzione che tra tutte le discipline progettuali, l'architettura domestica sia quella più ricca di sviluppi e più aperta alla sperimentazione, in quanto capace di coniugare architettura e design. Il tema della casa, attraverso la lettura iconica e paradigmatica delle "stanze" degli architetti, può diventare l'avvio di una riflessione trasversale sulle modalità, le esperienze e le tendenze dell'abitare contemporaneo.
La curatrice della mostra, Francesca Molteni - che per il Salone Internazionale del Mobile ha curato "Design Dance" con Michela Marelli (2012) e "Un bagno di stelle" (2010) - è stata accolta nelle abitazioni private degli otto grandi architetti contemporanei per filmarne gli esterni e gli ambienti, e intervistare ciascuno di loro sulla poetica, l'ispirazione e le scelte che hanno guidato il loro percorso progettuale e professionale. Con Davide Pizzigoni, architetto e scenografo, che da anni prosegue le sue ricerche sullo spazio della rappresentazione e collabora con i principali teatri d'opera internazionali, ha ideato un progetto per raccontare le "stanze" private di Shigeru Ban, Mario Bellini, David Chipperfield, Massimiliano e Doriana Fuksas, Zaha Hadid, Marcio Kogan, Daniel Libeskind e Studio Mumbai/Bijoy Jain attraverso video, immagini, suoni, testimonianze e ricostruzioni dal vivo. Il risultato è uno spazio espositivo interattivo attraverso il quale scoprire la cultura dell'abitare, le scelte e le ossessioni degli architetti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le novita' in anteprima al Salone del Mobile 2014

CasertaNews è in caricamento