menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

San Marco Argentano ricorda Monsignor Castrillo, il vescovo in odore di beatificazione

Pietravairano - Ricordare Mons. Ernesto Agostino Castrillo e far conoscere sua figura. È questo il senso della giornata di sabato 20 ottobre quando, nella cripta della cattedrale di San Marco Argentano, si terrà la solenne commemorazione del...

Ricordare Mons. Ernesto Agostino Castrillo e far conoscere sua figura. È questo il senso della giornata di sabato 20 ottobre quando, nella cripta della cattedrale di San Marco Argentano, si terrà la solenne commemorazione del Servo di Dio che moriva 57 anni fa e per il quale è in corso la causa di beatificazione. Padre Castrillo, il cui corpo si conserva proprio nella cripta del borgo argentanese, ha lasciato un segno indelebile nella storia di San Marco a dispetto del breve tempo che ebbe a disposizione per compiere la propria opera pastorale nell'allora diocesi di San Marco-Bisignano.

Insediatosi il 3 gennaio 1954 il fraticello d'origine campana (nacque infatti a Pietravairano) restò in carica fino al 16 ottobre del 1955 quando, dopo durissime sofferenze dovute al male che lo colpì, fu accolto nella casa del Padre. Proprio il modo con cui Padre Castrillo affrontò la malattia lasciò senza parole i numerosi testimoni dell'epoca, molti dei quali sono ancora viventi, e stupisce i fedeli che si accostano a questo personaggio. Monsignor Castrillo fu infatti uno straordinario modello di fede, quella stessa fede a cui si dedica quest'anno liturgico e che spesso è messa a dura prova da differenti contesti. Il messaggio del Servo di Dio è luce guida per tutti i cattolici ma soprattutto per quelle persone giovani e meno giovani che, per un motivo o per un altro, vivono un momento di crisi e di allontanamento dalla religione.
Un uomo attuale dunque da scoprire e da pregare.Il programma della solenne commemorazione prevede la Santa Messa alle ore 18.00, subito dopo avrà luogo un convegno nel quale sarà approfondito il rapporto Fede/Castrillo. Il programma degli interventi prevede la presenza di Padre Maurizio Dodaro che parlerà di virtù della fede e testimonianza cristiana, la presenza di Sandra Ida Petrassi che invece si soffermerà sulle rilevanze emergenti dalla Positio del Servo di Dio e quella di don Vincenzo Ferraro che, invece, farà il punto sull'iter processuale circa la causa di beatificazione del Servo di Dio.Sarà concesso spazio, inoltre, alla lettura di testimonianze di alcuni testimoni di questo emblema della fede.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento