Cultura

1 Raduno in Vespa Citta' di Maddaloni, successo clamoroso

Maddaloni - - Successo tecnico, organizzativo e spettacolare a Maddaloni del 1° raduno in Vespa "Città di Maddaloni" organizzato dal Vespa Club Maddaloni, presieduto da Vincenzo d'Angelo, inserito nell'itinerario del Giro d'Italia in Vespa che...

- Successo tecnico, organizzativo e spettacolare a Maddaloni del 1° raduno in Vespa "Città di Maddaloni" organizzato dal Vespa Club Maddaloni, presieduto da Vincenzo d'Angelo, inserito nell'itinerario del Giro d'Italia in Vespa che stanno effettuando quattro vespisti piemontesi, Augusto Gaudino, Carlo Morandi, Domenico Gelmi, Giuseppe Bezzon, per raccogliere fondi a favore dell'Angsa, associazione benemerita che si occupa dei minori affetti da autismo.
Il centro storico della "città delle due torri" è stato letteralmente invaso da ogni tipo di Vespa e moto d'epoca provenienti da ogni parte d'Italia; oltre 600 mezzi per confermare la vocazione sportiva della Città con particolare predilezione per le due ruote.Un'accoppiata "due torri/due ruote" che si è rivelata ancora una volta vincente e che ha richiamato vespisti ed appassionati per un autentico tuffo nel passato, un "amarcord" che non è sfuggito alle telecamere RAI del TGR Campania e di Teleprima che manderanno in onda nei prossimi giorni ampi servizi sulla manifestazione.
Spettacolare il giro d'onore per le principali strade cittadine , un tutt'uno tra l'antico delle moto e quello del centro storico di Maddaloni "città d'arte, emozionante e suggestivo poi il passaggio sui Ponti della Valle che ha suscitato ammirazione e meraviglia nei partecipanti beneficiari di una occasione storica di indubbio effetto turistico e paesaggistico grazie alla disponibilità della Sovraintendenza ai Monumenti di Caserta, rappresentata dal funzionario Leonardo Ancona, e del sindaco di Valle di Maddaloni Giovanni Pascarella.
Alla presenza del sindaco Rosa De Lucia i vespisti sono stati accolti da una folla di appassionati e curiosi richiamati dalla particolarità di alcuni mezzi storici come una Vespa 98 del 1947, una Vespa Acma del 1953, una Vespa Tap costruita per l'esercito francese, una Vespa 400 e poi un Ape calessino, un Ape furgonata, folkloristica la presenza di Giovanni Piccolo del Vespa Club Napoli "Pulcinella in Vespa" e quella di Giovanni Lucherini del Vespa Club Frascati "il Gladiatore in Vespa"che hanno fatto la felicità di tanti bambini con foto ricordo a volontà.Molto apprezzata anche la visita al Santuario di S. Michele dove i partecipanti hanno ammirato un panorama che incanta e sono stati poi benedetti dal parroco don Angelo Delli Paoli con una funzione toccante nella sua estrema semplicità.
Ricca la premiazione svoltasi nel corso del tradizionale pranzo presso "La Capannina", premiati il Vespa Club Napoli il più numeroso della Campania, il Vespa Club Acquaviva delle Fonti il più numeroso tra i club extraregionali, il vespista più giovane Raffaele D'Avino, quello più anziano Paolo Raele dell'Isola d'Elba, Pietro Chianese del Vespa Club Karalis Sardegna vespista proveniente da più lontano, Mino Lassandro del Vespa Club Acquaviva delle Fonti che guidava la Vespa più nuova una GTS 300, infine i primi tre Vespa Club della speciale classifica turistica, Vespa Club Acquaviva delle Fonti, Pizzo Calabro e Canosa di Puglia.

In definitiva una manifestazione dal successo clamoroso accompagnata da una splendida giornata di sole che ha risaltato al massimo la bellezza dei tanti monumenti storici di cui è ricco Maddaloni e il suo circondario.
Se le intenzioni degli organizzatori erano quelle di presentare ai tanti forestieri una cartolina di Maddaloni gradevole e meritevole di essere visitata l'obiettivo è stato centrato in pieno. Lo si deduce anche dai commenti entusiastici su facebook da parte dei Vespa Club presenti alla manifestazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

1 Raduno in Vespa Citta' di Maddaloni, successo clamoroso

CasertaNews è in caricamento