menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cancelli chiusi agli scavi di Pompei, Franceschini: 'Un danno per l'Italia'

Pompei - I rappresentanti di Uil, Flp, Unsa e l'Rsu proseguiranno la protesta anche oggi, dalle ore 8 alle ore 11 e quindi di nuovo file ai botteghini per i turisti che vogliono visitare le bellezze archeologiche dell'antica Pompei."Pur...

I rappresentanti di Uil, Flp, Unsa e l'Rsu proseguiranno la protesta anche oggi, dalle ore 8 alle ore 11 e quindi di nuovo file ai botteghini per i turisti che vogliono visitare le bellezze archeologiche dell'antica Pompei."Pur condividendo il legittimo diritto dei lavoratori del sito di Pompei e dei rappresentanti sindacali di riunirsi e manifestare, ritengo assolutamente inaccettabile e oltremodo dannoso chiudere per due giorni un sito archeologico di tale rilevanza senza alcun preavviso e a scapito di migliaia di visitatori e turisti". E' il commento del sottosegretario Ilaria Borletti Buitoni alle aperture posticipate, ieri e oggi a Pompei, per assemblee sindacali."Si tratta di un danno, materiale e immateriale, di incalcolabile portata, che va ad aggravare la già seriamente danneggiata immagine del nostro Paese e dei nostri beni culturali nel mondo", dice il sottosegretario, che sottolinea: "La fruizione dei beni culturali non è un privilegio ma un diritto dei cittadini, e come tale deve essere garantito dallo Stato alla stregua di un qualsiasi servizio pubblico, con regole chiare e precise, concordate preventivamente tra tutte le parti.Solo così sarà possibile evitare il ripetersi di fatti come quelli accaduti tra ieri e oggi, fatti che non possono e non devono più ripetersi se vogliamo davvero che i nostri beni culturali e il turismo ad essi associati perdano definitivamente il ruolo di risorsa e di immagine del nostro Paese nel mondo".
Il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo comunica che, a conferma dell'impegno del governo nei confronti di uno dei simboli del patrimonio culturale nazionale, dallo scorso marzo a oggi sono arrivate 78 nuove unità di personale agli Scavi di Pompei.In particolare, 30 tecnici e amministrativi di Ales SpA hanno preso servizio il 4 agosto, altri 31 amministrativi di Ales Spa hanno preso servizio il 6 ottobre, mentre 17 unità della direzione generale Grande Progetto Pompei hanno preso servizio a partire dallo scorso mese di giugno.Entro dicembre, inoltre, prenderanno servizio per Pompei altre 75 unità di personale.In particolare, a Pompei verranno assegnati 50 dei 150 tirocinanti che verranno selezionati nei termini della procedura pubblica per l'attivazione di tirocini formativi e di orientamento per giovani fino a 29 anni di età bandita lo scorso 4 novembre, 5 ulteriori unità di personale in comando presso la direzione generale per il Grande Progetto Pompei selezionate sulla base della manifestazione di interesse pubblicata lo scorso 9 novembre e altre 20 unità individuate tramite l'avviso pubblico bandito il 5 marzo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento