menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
213632_un_boss_in_salotto

213632_un_boss_in_salotto

Dopo 'Benvenuti al Sud' Luca Miniero torna al cinema con 'Un Boss in Salotto'

(Roma) Dopo Benvenuti al Sud e Benvenuti al Nord, Luca Miniero torna al cinema dal 1° gennaio con la "Un Boss in Salotto" prodotto da Cattleya con protagonisti Rocco Papaleo, Paola Cortellesi, Angela Finocchiaro e Luca Argentero. In pratica non un...

(Roma) Dopo Benvenuti al Sud e Benvenuti al Nord, Luca Miniero torna al cinema dal 1° gennaio con la "Un Boss in Salotto" prodotto da Cattleya con protagonisti Rocco Papaleo, Paola Cortellesi, Angela Finocchiaro e Luca Argentero. In pratica non un Cinpanettone ma una "cinepastiera", scherza il regista Luca Miniero.
Alla conferenza stampa di Un Boss in Salotto, Paola Cortellesi risponde a una domanda dei fan: "Nell'arco della tua carriera ti sei ritrovata a interpretare i ruoli più disparati, da attivista di green peace a madre single, com'è stato interpretare la sorella di un boss?" - "Spero ci saranno sempre più donne protagoniste e non solo nel cinema. Avere un ruolo principale dipende dalla fiducia dello sceneggiatore, del regista e della produzione e sono molto contenta che loro abbiano avuto fiducia in me. Il fatto che sia stata aspettata la mia maternità prima di iniziare le riprese è stato per me motivo di grande forza."
Rocco Papaleo: "Se dovesse imitare qualche politico oggi, chi imiterebbe?" Risposta: "Non mi piace scherzare sulla politica ma ho molto rispetto per chi lo fa. Bisognerebbe dividere la questione politica dal gioco. Non imiterei nessuno e direi ai politici di darsi una regolata e non di scherzarci sopra. Mi piacciono i politici in grado di dare un 'sogno'."

"E' la prima volta - spiega Luca Argentero - che giro un film che prevede che il mio personaggio indossi una fede e sì è la mia. Almeno questa volta non ho corso il rischio di perderla."
Ecco la storia del film: Cristina (Paola Cortellesi) è un'energica meridionale trapiantata in un piccolo centro del Nord dove è finalmente riuscita a costruirsi una vita e una famiglia perfette insieme al marito, Michele Coso (Luca Argentero), e ai loro due splendidi figli. Un giorno Cristina, convocata in Questura, scopre che suo fratello Ciro (Rocco Papaleo) - che non vede da 15 anni - è implicato in un processo di camorra e ha chiesto di poter trascorrere gli arresti domiciliari a casa sua. Cristina suo malgrado accetterà e da quel momento i suoi piani e l'ordinatissima routine dei Coso verranno letteralmente sconvolti dall'arrivo dello zio Ciro, un tipo tutto tatuaggi, catene d'oro e poco abituato alle buone maniere.Un boss in salotto è una commedia familiare moderna che fa ridere e al contempo riflettere sulla camorra, sulla vita e su tutte le famiglie imperfette che, spesso però, si rivelano il posto più caldo dove stare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Gomorra 5, riprese nel Casertano: fan in delirio

Attualità

Il Comune installa gli autovelox. “Troppi incidenti”

Attualità

'AstraDay', il sito dell'Asl va subito in tilt per migliaia di accessi

Attualità

La Brigata dei vaccini festeggia le 100mila dosi in 2 mesi | FOTO

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento