Economia

Pizzeria riapre all'aperto grazie all'accordo con gli inquilini del palazzo

Il locale poteva contare solo su ambienti al chiuso, ma la solidarietà degli inquilini di via Trieste ha permesso la riapertura

Il pizzaiolo Luca Doro

Non è una semplice riapertura di una pizzeria per quanto ormai affermata, ma un esempio di solidarietà nel lavoro quello che accade a Macerata Campania. La pizzeria Doro Gourmet di Luca Doro poteva contare solo su ambienti al chiuso, ma riesce a “spostarsi” per l’estate nella corte del palazzo datato 1870 dove è ubicata, grazie all’accordo degli inquilini del palazzo di via Trieste 50. Nasce così l’idea di “Pizzeria in Corte” che vedrà, da venerdì 7 maggio, l’apertura nei giorni di venerdì, sabato e domenica di ogni settimana, con oltre 50 posti a sedere all’aperto nel rispetto di ogni prescrizione anti-Covid, con l’apertura prevista alle ore 18.30 per chiudere alle ore 22. Il tutto sempre con prenotazione obbligatoria e menù digitale ai tavoli per la scelta.

Luca Doro, 2 spicchi Gambero Rosso 2021, protagonista delle trasmissioni tv di La7 MicaPizzaeFichi, pizzaiolo storico dell’Alleanza Cuochi e Pizzaioli Slow Food della Campania, potrà, pure in questo quadro che limita le aperture solo all’aperto, deliziare i pizzalovers provenienti anche da lontano, amanti sia della tradizione che delle sue interpretazioni protagoniste della rivoluzione della pizza degli ultimi anni dove l’area casertana è sempre più un laboratorio territoriale d’eccezione. L’emozione per la disponibilità ed il lavoro dei partner e dei vicini è preminente nelle parole di Luca Doro, persino rispetto all’ebbrezza della riapertura ai tavoli.

"C’è una luce in fondo al tunnel della ristorazione e verso la fine per tutti di questo incubo - afferma Luca Doro - E’ bello avere le condizioni per poter riabbracciare la squadra di lavoro ai tavoli, tanti amici e clienti che potranno venire a trovarci in sicurezza e di questo non posso non ringraziare una splendida comunità con cui ho la fortuna di condividere il palazzo: sono stati loro stessi, vedendo la grande difficoltà a dover attendere forse tutta l’estate con la preclusione della sala al chiuso di sera, a venire incontro alle esigenze della pizzeria, consentendo a lavori di ristrutturazione e messa in sicurezza e poi il via libera a poter ospitare i nostri clienti fino alle 22 o al massimo, quando si potrà, fino alle 23. Davvero un abbraccio alle realtà imprenditoriali presenti anche esse nella corte, come Zeus Infissi e a chi ha reso possibile la riapertura all’esterno: Mario Bove e Giuseppe Sassone, Carmine Petrella, Assunta Vardaro, “Segnalarsi “di Peppe e Antonio Tufano, Alessandro Cicala, Ferramenta D’Amico, Valerio Palmiero, Mario Natale, il Vivaio di Antonio Sagliano a Caturano”. La pizzeria continuerà anche a garantire, come fatto in questi mesi, il servizio di asporto e consegna a domicilio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pizzeria riapre all'aperto grazie all'accordo con gli inquilini del palazzo

CasertaNews è in caricamento