menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La protesta ai cancelli dell'Oma Sud

La protesta ai cancelli dell'Oma Sud

120 operai in ferie forzate: "Siamo ostaggi dell'azienda" | FOTO E VIDEO

Scoppia la protesta dei dipendenti dell'Oma Sud. Appello a Di Maio

Sono disperati. Senza stipendio da mesi, con gli ammortizzatori sociali esauriti e senza risposte riguardo il loro futuro occupazionale. Un dramma che coinvolge i 120 lavoratori dell'Oma Sud, l'azienda di Capua che opera nel settore aeronautico, che da stamattina hanno avviato un presidio permanente davanti ai cancelli dello stabilimento. 

L'azienda fino a qualche anno fa aveva bilanci piuttosto rosei con le tante commesse a partner di prestigio, tra cui Alenia. Poi l'idea di produrre un velivolo in proprio. Un progetto per il quale lo Stato ha stanziato fondi, quelli previsti dalla legge 808 per i programmi di ricerca e sviluppo nel settore aeronautico. Vengono prodotti tre prototipi "uno dei quali è caduto", riferiscono gli operai della fabbrica. Quindi gli sforzi non ripagano dell'investimento e dunque comincia una crisi dalla quale non si vede via d'uscita.

"La cassa integrazione è scaduta a dicembre - spiega il dirigente della Fiom Cgil Lorenzo Notarnicola - Nel corso del tavolo in Prefettura dei giorni scorsi abbiamo chiesto l'intervento del Governo per varare misure straordinarie di sostegno al reddito o per favorire un processo di reindustrializzazione del sito. Nel corso dell'incontro la proprietà ha ribadito anche il fatto che parte di quei fondi ministeriali non è arrivata".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto la crisi lavorativa è esplosa con gli operai che si sentono "ostaggi dell'azienda", vantando diverse mensilità arretrate e senza prospettive per il futuro. Non sanno quando si sbloccherà la vertenza, non sanno se devono licenziarsi e rischiare o restare in attesa.

Sono in un limbo, messi in "ferie forzate", prorogate proprio nella mattinata mentre fuori c'era il presidio, sostenuto da tutte le sigle sindacali (Fiom Cgil, Fim Cisl, Uil, Failms e Ugl). Una situazione in cui gli operai si sentono abbandonati dallo Stato, di cui dall'esterno dell'Oma Sud si sente l'inno in sottofondo per il giuramento dei ragazzi della Caserma Salomone.   

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

'AstraDay', 24 ore di vaccino per tutti a Caserta: ecco come prenotarsi

Ultime di Oggi
  • Attualità

    La Brigata dei vaccini festeggia le 100mila dosi in 2 mesi | FOTO

  • Cronaca

    Docente e 5 studenti positivi, chiusa la scuola media

  • Cronaca

    Dissequestrati due lidi dopo il ricorso al Riesame

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Gomorra 5, riprese nel Casertano: fan in delirio

  • social

    Paura per Awed: sviene all'Isola dei Famosi: "Dimagrito troppo"

  • social

    Nonna Rosa festeggia 101 anni: l'omaggio del sindaco | FOTO

Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento