rotate-mobile
Martedì, 4 Ottobre 2022
Economia

Coltivare idee e creare imprese: Solidarci presenta il progetto per i rifugiati

L'iniziativa co-finanziata dal Ministero prevede lo startup di imprese costituite da rifugiati

Potenziare la conoscenza della lingua italiana, realizzare un pacchetto informativo per l’avvio di impresa, selezionare le idee vincenti predisponendo un accompagnamento e un contributo per l’avvio dell’impresa. Parte da qui “Idee da coltivare”, il progetto promosso dall’Arci Nazionale e presentato ieri presso l’Enoteca provinciale di via Cesare Battisti, a Caserta.

Il progetto, co - finanziato dal Ministero dell’Interno attraverso il fondo Asilo, Migrazione e Integrazione 2014 – 2020, punta a sostenere lo start up di imprese costituite da migranti titolari di protezione internazionale, nell’ambito dei servizi e dell’agricoltura nel territorio di Santa Maria la Fossa fino a dicembre 2018.

“Questo è il nostro modo di lavorare sull’accoglienza – ha spiegato il presidente di Solidarci, Biagio Napolano – dando ai beneficiari dei progetti degli strumenti affinché riescano a sfruttare al meglio la propria creatività attraverso la creazione di nuove opportunità, per se stessi e per il territorio. Perché si cresce solo se lo si fa insieme, italiani e stranieri”. A fargli eco il presidente Cna Caserta, Francesco Geremia e il sindaco di Santa Maria la Fossa, Antonio Papa, che ha spiegato: “La deriva razzista culminata con ciò che è accaduto allo stadio Olimpico di Roma, domenica scorsa, può essere sconfitta solo con la cultura dell’integrazione. Il progetto Idee da coltivare risponde a questa esigenza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coltivare idee e creare imprese: Solidarci presenta il progetto per i rifugiati

CasertaNews è in caricamento