Incendio sul treno tra Vairano e Venafro, ma è una esercitazione di Protezione Civile

Vairano Patenora - Un passeggero del Regionale 34524 Caserta – Venafro si accorge della presenza di fumo nella prima vettura del treno e aziona il freno di emergenza. Il convoglio si ferma all’altezza di un passaggio a livello nel tratto di linea...

treno incendio

Un passeggero del Regionale 34524 Caserta – Venafro si accorge della presenza di fumo nella prima vettura del treno e aziona il freno di emergenza. Il convoglio si ferma all’altezza di un passaggio a livello nel tratto di linea tra Vairano e Venafro e il personale ferroviario prova a spegnere, con gli estintori di bordo, un principio d’incendio che si è sviluppato nel sottocassa del vagone, senza riuscirvi.

È questo lo scenario dell’esercitazione di Protezione Civile che si è svolta la mattina di giovedì 25 maggio, organizzata in collaborazione tra Prefettura di Caserta, Protezione Civile, Vigili del Fuoco, Polfer, 118, Vigili Urbani del Comune di Vairano Patenora e – per il Gruppo FS - Trenitalia, Rete Ferroviaria Italiana e Protezione Aziendale. Scattata l’allerta, si sono attivati i protocolli di emergenza con il coinvolgimento dei soggetti interessati.

Le squadre di soccorso, coordinate dalle rispettive sale operative, sono intervenute secondo le procedure previste in questi casi, provvedendo alla messa in sicurezza del treno e dei viaggiatori, nonché al completo spegnimento dell’incendio e all’assistenza medica necessaria. L’esercitazione ha avuto come scopo principale la verifica dell’efficacia delle procedure e dei tempi di risposta delle strutture del territorio dal momento dell’allarme. Inoltre, è stato possibile collaudare “sul campo” il sistema di intervento tecnico e di assistenza previsto dal protocollo d’intesa stipulato tra il Gruppo FS Italiane e la Protezione Civile.

Le operazioni si sono svolte secondo le modalità programmate e senza creare intralcio alla circolazione dei treni.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
CasertaNews è in caricamento