rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Economia

Export agroalimentare, business da 130 milioni di euro per le imprese casertane

I dati diffusi dal Coldiretti per il primo semestre del 2019 fanno registrare una crescita del 9%

Un giro d'affari da 130 milioni di euro con una crescita del 9,1 percento rispetto all'anno precedente. Sono questi i numeri diffusi da Coldiretti per l'export delle imprese casertane del comparto agricolo ed alimentare relativamente al primo semestre del 2019.

Complessivamente dalla Campania sono stati esportati verso l'estero beni agricoli e alimentari per 1,7 miliardi di euro con un balzo del +5,5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Anche se il valore assoluto è più contenuto, la provincia che fa segnare lo scarto più evidente rispetto al 2018 è quella di Benevento con un +67,6%. Nel Sannio, il valore dell'export è di 41 milioni. È però la provincia di Salerno (+6,8%) a fare la parte del leone con un export agroalimentare nei primi sei mesi dell'anno che vale 776 milioni. Andamento costante ad Avellino (+1,8%) e Napoli (+1,4%), dove le esportazioni valgono rispettivamente 172 e 555 milioni di euro. 

"Il made in Italy e il made in Campania - commenta Gennarino Masiello, presidente di Coldiretti Campania e vicepresidente nazionale - continuano a macinare record, grazie al successo in ogni angolo del pianeta. Questi dati ci spingono a lavorare ancora di più e ancora meglio nella battaglia a favore della tracciabilità e delle etichette trasparenti. I margini di crescita di questo territorio sono ancora enormi".

Coldiretti evidenzia infatti che "la capacita' del settore alimentare tricolore di intercettare la nuova domanda globale di alta qualità" è ancora frenata dalla "moltiplicazione delle imitazioni dei prodotti nazionali con il fenomeno del cosiddetto italian sounding che all'estero vale 100 miliardi di euro".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Export agroalimentare, business da 130 milioni di euro per le imprese casertane

CasertaNews è in caricamento