rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Economia

Sfratto alla Titagarh Firema, De Luca nervoso per la mossa di Pignetti & Co

Il governatore: "Evitare iniziative che creano tensioni sociali in maniera sbagliata"

C’è tensione nel mondo politico-istituzionale per la mossa del Consorzio Asi Caserta di approvare la delibera per la revoca dei suoi alla Titagarh Firema Spa, una delle ultime grande aziende rimaste attive nella conurbazione casertana.

Un'azione che ha messo in allerta i 400 dipendenti che, poche settimane fa, avevano appreso con soddisfazione della nuova commessa da oltre 280 milioni di euro dalla Regione Lazio.

Dopo le prese di posizione del sindaco del Capoluogo Carlo Marino, del consiglere regionale Giovane Zannini e di Beniamino Schiavone per Confindustria Caserta, è arrivata anche quella più importante, direttamente da Palazzo Santa Lucia a Napoli.

Vincenzo De Luca ha affrontato la vicenda nel corso della sua diretta video settimanale e le parole del presidente della Regione Campania sono sembrare un richiamo netto al ritorno su posizioni “più morbide” mandato alla presidente del Consorzio Asi Raffaella Pignetti ed al comitato direttivo che ha approvato la delibera per la revoca dei suoi.

"Abbiamo chiesto all'Asi di risolvere il problema ed evitare iniziative che creano tensioni sociali in maniera sbagliata - ha detto De Luca - E' previsto un incontro e ci auguriamo di trovare, come è necessario, una soluzione per la cessione a Firema di nuove aree per l'incremento delle sue attività produttive".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sfratto alla Titagarh Firema, De Luca nervoso per la mossa di Pignetti & Co

CasertaNews è in caricamento