menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sicurezza sul lavoro, Confindustria: 'Il click day non ha funzionato'

Caserta - Con una nota inviata alle direzioni regionale e provinciale dell'Inail, Confindustria Caserta ha chiesto l'annullamento della procedura del bando "a sportello" e la riapertura dei termini dell'avviso pubblico per i finanziamenti dei...

Con una nota inviata alle direzioni regionale e provinciale dell'Inail, Confindustria Caserta ha chiesto l'annullamento della procedura del bando "a sportello" e la riapertura dei termini dell'avviso pubblico per i finanziamenti dei progetti delle imprese di interventi in materia di salute e sicurezza sul lavoro. Infatti, il cosiddetto "click day" fissato per le ore 14 del giorno 12 gennaio scorso si è rivelato del tutto inadatto per la gestione del Bando Isi 2010. Numerose aziende, infatti, hanno lamentato l'oggettiva indisponibilità di entrare nel sito all'ora stabilita, mentre altre hanno avuto difficoltà ad entrare già alcune ore prima di quella prefissata. Insomma, il meccanismo informatico predisposto dall'Istituto nazionale degli infortuni sul lavoro per l'invio telematico delle domane di ammissione agli incentivi previsti dall'avviso pubblico, non è stato in grado di assorbire l'enorme quantità di istanze presentate contemporaneamente dalle aziende e si è bloccato, prima ancora dell'esaurimento delle risorse disponibili.Da qui la richiesta dell'annullamento della procedura e la riapertura dei termini.In effetti, la criticità del meccanismo predisposto dall'Inail era stata già sollevata da Confindustria, sia in sede nazionale che in sede territoriale. In particolare, sotto la spinta di una diffusa preoccupazione da parte delle aziende, la direzione delle Relazioni industriali, Sicurezza e Affari sociali dell'associazione datoriale aveva segnalato all'Istituto che si sarebbero verificati problemi a seguito della scelta di questo strumento per la selezione delle domande e della procedura del bando "a sportello". Ancora nei giorni scorsi, va aggiunto, in sede di Consiglio di indirizzo e vigilanza dell'Istituto e poi anche direttamente, sempre Confindustria aveva anche formalizzato una nuova richiesta di procrastinare il momento di avvio della procedura di presentazione delle domande, in considerazione delle criticità legate a fatti tecnici riscontrati dalle aziende e dallo stesso call center dell'Inail.
Ma inviti e allarmi sono rimasti, purtroppo, inascoltati sicché in queste ore stanno viepiù montando le proteste delle aziende per essere state escluse improvvidamente dalle procedure di partecipazione al bando. Va aggiunto che, a fronte delle criticità previste e ora puntualmente segnalate dal sistema delle aziende, Confindustria provvederà a chiedere all'Inail i motivi delle cause di questo disservizio, anche attraverso il monitoraggio e l'analisi delle domande effettivamente presentate. E ciò non fosse altro che per garantire, immediatamente e nel futuro, il rispetto della par condicio nella procedura di gara e di consentire di accelerare i tempi di programmazione degli ulteriori finanziamenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento