menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pi Europa, Bobbio: chiusura tratta Fs e allungamento della scogliera per waterfront

Castellammare di Stabia - Si è svolto, sabato mattina, presso ilComune di Castellammare di Stabia, l'incontro – voluto dal sindaco,Luigi Bobbio – con tutti i proprietari delle aree del cosiddettowaterfront e di quelle insistenti, a monte...

Si è svolto, sabato mattina, presso ilComune di Castellammare di Stabia, l'incontro - voluto dal sindaco,Luigi Bobbio - con tutti i proprietari delle aree del cosiddettowaterfront e di quelle insistenti, a monte, nell'area industriale,interessate al "Più Europa". All'incontro erano presenti numerositecnici, nonché l'assessore all'Urbanistica, arch. Francesco Di Somma,consiglieri comunali e tecnici comunali.Nel corso della riunione, tenutosi in un clima di grandissimacordialità e conclusosi con palese e manifestata soddisfazione degliinvitati, il sindaco Bobbio ha illustrato le linee guida della nuovaAmministrazione in tema di "Più Europa", in particolare nel rapportocon i privati e in vista della necessità di recuperare, senza ritardi,un'area del territorio cittadino da troppo tempo oggetto delsostanziale disinteresse delle Amministrazioni precedenti,sottoutilizzata e, comunque, sottratta allo sviluppo della città."'Più Europa' rappresenta un'eccezionale occasione per contribuire aridare alla città slancio e vitalità", ha aggiunto Bobbio, "in unalogica di ripresa del territorio e di rilancio delle attività. Inquesto contesto, devo evidenziare subito la totale discontinuità e ladistanza siderale che separa la mia Amministrazione, anche in questosettore, in maniera convinta e lucida, dagli stili di governocittadino della precedente Amministrazione, che - inseguendo obiettivipoco chiari e ancor meno condivisibili - ha rischiato di far perdere aCastellammare un'occasione vitale per il suo rilancio, costringendoci,oggi, a sforzi intensi per recuperare il tempo perduto in nome e allaluce di un percorso e di un progetto nuovi e credibili. Il tutto senzaossessioni o furori ideologici, o peggio personalistici, che non ciappartengono e nella lucida e orgogliosa consapevolezza di non temereintimidazioni, o accuse come al solito strumentali e - com'è nellatradizione della sinistra di questa città - sempre tese a coprire ilperseguimento di fini personali"."Castellammare di Stabia si rilancia e rinasce solo o quantomenoprincipalmente con i privati. I soldi pubblici sono finiti sia per lacrisi dilagante, sia perché la Campania e quindi Castellammare hannovisto Bassolino e i suoi epigoni locali fare a pezzi, con il denaropubblico, le speranze e le prospettive di rinascita di un'interaregione. Oggi, è fondamentale quindi che il pubblico faccia sinergiacon il privato. Non ci spaventano, ovviamente, anzi auspichiamo efavoriamo la collaborazione e l'intervento di privati, investitori efinanziatori, nel nome di percorsi chiari e legittimi e di originialtrettanto chiare e legittime", ha sottolineato ancora il primocittadino stabiese nel corso del suo intervento."Questa è la prima linea guida che intendiamo indicare agliimprenditori oggi riuniti al Comune. Inoltre, voglio marcare inmaniera chiara, immediata e assoluta, e non per pagare debitielettorali come qualche stolto certamente dirà, ma per profondaconvinzione politica e amministrativa, che l'intervento dei privatinella gestione del 'Più Europa', previsto dalla normativa, non può enon deve essere condizionato o orientato da imposizioni più o menodittatoriali da parte dell'Amministrazione comunale, com'era accadutocon la precedente giunta di sinistra. Noi vogliamo e dobbiamocondividere con gli imprenditori il nuovo disegno del waterfront. Duesono e saranno le parole d'ordine in questo rinnovato, proficuo eintenso rapporto: concertazione e compartimentazione. Nessun progettosarà imposto su basi preconcette da parte della mia Amministrazione. Èl'Amministrazione che chiede ai privati di proporle un progettoarticolato e compiuto dell'area, da poter concertare nella fasedecisoria. Tutto ciò nella consapevolezza che la gestione del lavorosarà fatta per aree e che la mia Amministrazione ragiona in termini di'area vasta': se qualcuno non potrà realizzare un'opera su quellaparticolare area, vedremo insieme dove delocalizzare l'intervento inquestione. L'Amministrazione è e sarà disponibile a un 'regimepremiale' per chi dovesse affrontare rinunce rispetto ad altri, odovesse - nell'ambito del progetto condiviso - trovarsi ad affrontarepiù rinunce di altri"."Elaborata la proposta progettuale comune e condivisa da parte deiprivati, la concertazione con l'Amministrazione avverrà alla luce didue basilari principi: massima attenzione e considerazione per lanecessità e i bisogni della parte privata, rispetto comune e condivisoper la normativa vigente, senza tuttavia il veto ma anzi con la piùampia disponibilità a favorire l'applicazione di tutto il regimeregolatorio consentito dalle leggi, nella comune consapevolezza checiò che vogliono pubblico e privato è tornare ad avere, in quell'area,una città bella, civile, sicura, ordinata, pulita, produttiva eattenta al sociale. Tutto ciò dovrà essere gestito nellaconsapevolezza che, a causa dei ritardi precedenti, i termini si sonoristretti e auspicando, quindi, che la concertazione si possatramutare in condivisione definitiva per la fine di quest'anno, o lametà del prossimo mese di gennaio. Due, peraltro, sono le novitàaltamente positive che i privati e gli imprenditori potranno edovranno tenere da conto, insieme con l'Amministrazione comunale nellaredazione della proposta progettuale e nella successiva fase diconcertazione: in primo luogo, è ormai imminente la chiusura dellalinea ferroviaria Gragnano-Castellammare e l'arretramento dellastazione ferroviaria a Torre Annunziata, a valle di un accordo in viadi conclusione tra la Regione Campania, Trenitalia e il Comune diCastellammare di Stabia. La scogliera di protezione del litorale sucui affaccia l'area interessata dal 'Più Europa', inoltre, non saràsoltanto limitata al progetto di rifacimento così come noto, ma saràcorredata da una variante che la estenderà fino - in pratica - allaMarina di Stabia, così allungando e migliorando la protezione dellitorale e quindi della costruenda passeggiata al mare nonché dellenuove opere a realizzarsi", ha terminato il sindaco Bobbio.L'incontro si è concluso con la decisione di calendarizzare, già perquesta settimana, incontri tecnici per la definizione di quanto sopradeciso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento