menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cgil in Piazza della Prefettura con gli immigrati

Caserta - Giovedì 18 Novembre ore 10.00 gli immigrati della CGIL di Caserta saranno in Piazza della Prefettura a Caserta, per dire no a camorra, razzismo e sfruttamento sul lavoro.Le proteste di questi giorni a Brescia e Milano indicano una...

Giovedì 18 Novembre ore 10.00 gli immigrati della CGIL di Caserta saranno in Piazza della Prefettura a Caserta, per dire no a camorra, razzismo e sfruttamento sul lavoro.Le proteste di questi giorni a Brescia e Milano indicano una situazione delicata a rischio esplosione. Sono purtroppo tante le storie degli immigrati legate al reato di clandestinità, alla mancata regolarizzazione, allo sfruttamento e al lavoro nero.
Contro il lavoro nero e per i diritti dei migranti, la CGIL chiede ai Ministri Maroni e Sacconi di aprire un tavolo di trattativa, che possa individuare soluzioni serie e strutturali, dando priorità a:
?il contrasto allo sfruttamento del lavoro nero, attraverso il recepimento della Direttiva Europea 52;
?l'applicazione e l'estensione dell'articolo 18 del Testo Unico anche a chi denuncia di essere stato costretto all'irregolarità del lavoro. Soprattutto nelle terre del Mezzogiorno la criminalità sostiene una vastissima "campagna acquisti" tra i lavoratori stranieri, cooptando tramite i caporali, braccia per il lavoro nei campi e nel settore edile a costi bassissimi. A pagare questa situazione sono sempre e solo gli immigrati: i caporali continuano a mantenere i loro loschi affari, mentre i lavoratori stranieri vengono processati per clandestinità in caso di controlli;

?un percorso di emersione strutturale che, oltre a riconoscere il permesso di soggiorno a chi è stato truffato nel corso dell'ultima sanatoria, offra la possibilità di uscire dalla schiavitù e dallo sfruttamento a centinaia di migliaia di migranti,costretti alla clandestinità;
?una proroga del permesso di soggiorno per chi oggi ha perso il lavoro e fatica a reperirne uno nuovo, senza che incomba la minaccia di espulsione;

?intervento sulla situazione di estrema difficoltà in cui versano gli sportelli Unici per l'immigrazione che per effetto della manovra finanziaria sono costretti a licenziare oltre il 50% del totale degli addetti.
Per chiedere un intervento serio da parte delle istituzioni sui temi sopra indicati, la CGIL di Caserta che da anni si batte per i diritti dei lavoratori e dei cittadini stranieri e rappresenta ormai un punto di riferimento importante per le comunità straniere residenti sull'intera Provincia, nell'ambito dell'iniziativa nazionale organizzata in preparazione della manifestazione del 27 Novembre che si terrà a Roma, organizza un presidio sotto la Prefettura di Caserta per aprire un tavolo di trattativa locale con le istituzioni competenti in materia di immigrazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Tasso positività schizza al 14%, nel casertano 276 nuovi casi

  • Attualità

    Ergastolo ostativo cancellato. "Così la camorra ha vinto"

  • Cronaca

    Contagi troppo alti, scuole chiuse un'altra settimana

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento