menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20101008070054_manifestazione_9_ottobre

20101008070054_manifestazione_9_ottobre

Sabato 9 ottobre Cisl e Uil di Caserta manifesteranno a Piazza del popolo a Roma

Caserta - "Meno fisco per il lavoro. Più lavoro per l'Italia" , questo il tema di sabato prossimo 9 ottobre a Roma in piazza del Popolo. Previste migliaia di persone tra lavoratori, immigrati, giovani, donne e pensionati provenienti da tutta...

"Meno fisco per il lavoro. Più lavoro per l'Italia" , questo il tema di sabato prossimo 9 ottobre a Roma in piazza del Popolo. Previste migliaia di persone tra lavoratori, immigrati, giovani, donne e pensionati provenienti da tutta Italia. Per favorire la loro presenza a Roma Cisl e Uil hanno organizzato cinque treni straordinari, tre aerei charter, una nave dalla Sardegna e circa mille pullman che arriveranno nella Capitale sin dalle prime ore dell'alba, oltre ai partecipanti che useranno mezzi propri. Militanti e simpatizzanti di Cisl e Uil saranno mobilitati per accogliere i partecipanti presso le stazioni Termini e Tiburtina, ai varchi delle stazioni della metro A e B e nelle aree di sosta di Anagnina, dello Stadio Olimpico e Villaggio Olimpico.
Anche la Cisl provinciale di Caserta si è ovviamente mobilitata e la Funzione Pubblica ha chiamato a raccolta i propri iscritti e organizzato le partenze con pullman propri. Questi partiranno alle 6.30 del mattino dai centri nodali della provincia, San Felice a Cancello, Aversa, Santa Maria Capua Vetere, Piedimonte Matese. Dalla città capoluogo i bus partiranno sempre alle 6.30 dalla sede della Cisl Fp, a via Ferrarecce e da via Roma, per poi confluire tutti nella capitale per l'orario atteso. Da Terra di Lavoro si prevedono sei pullman e almeno duecentonovanta partecipanti.
"E' l'occasione per affermare con una sola voce rivendicazioni basilari per i lavoratori e non solo ma per i cittadini tutti - spiega Rino Brignola, Segretario Generale Cisl Fp Caserta - come diffuso, saranno affrontati in maniera concreta i temi dello sviluppo economico, del lavoro, soprattutto di quello giovanile, della riforma del fisco, del sostegno ai pensionati non autosufficienti e alle famiglie e sappiamo bene che dalla nostra provincia portiamo un bel fardello sulle spalle che, purtroppo, ben testimonia quanto abbiamo da dire. Così come affermato dal nostro Segretario Bonanni, è ora di attivare una lotta forte agli sprechi e alle ruberie che ci sono nella pubblica amministrazione, per poter concentrare queste risorse sugli strumenti produttivi. La Cisl dira' inoltre chiaramente che e' stufa di questa classe dirigente che ha perso il senso della misura e si e' scollegata pericolosamente dalla gente e dai suoi interessi e tutto quanto accade a livello nazionale si riflette inderogabilmente sui livelli territoriali, come abbiamo potuto esperire nella nostra città e nella nostra provincia".
E ieri, come accaduto già in altre sedi del paese nei giorni scorsi, la Cisl ha subito un nuovo attacco, un gravissimo episodio di intolleranza, così come diffuso dalla stampa. Venti manifestanti di "Action diritti in movimento" hanno inscenato una protesta nella tarda mattinata di mercoledì 6 ottobre, volantini contro Cisl e Uil sono stati lanciati sulle scale che precedono l'ingresso della sede al piano terra. L'azione è proseguita con lancio di uova e fumogeni e una tentata irruzione dei manifestanti nella sede romana. Lo stesso Bonanni è stato colpito da un fumogeno.
"E' un episodio gravissimo - commenta Brignola - stigmatizziamo assolutamente questi atti privi di ogni significato in quanto la violenza non porta da nessuna parte, non creano inoltre alcuna base per dialoghi che possano costruire ma come al solito sono distruttivi di ogni iniziativa propositiva. La nostra Segreteria provinciale ha ricevuto numerosissime telefonate di solidarietà dai lavoratori di tutto il casertano e dai semplici cittadini che giorno dopo giorno si confrontano con noi e con il nostri impegno e ci sentiamo dunque di partecipare questo sostegno al sindacato e ai nostri segretari che ci rappresentano esponendosi ".

IL DECLINO LO FA CHI AMMINISTRA MALE, LO SVILUPPO CHI AMMINISTRA BENE
La Cisl Funzione Pubblica ha rilevato una triste ovvietà, il declino dei nostri territori è stato prodotto da chi ci ha amministrato male, ma non è una situazione irrecuperabile poichè lo sviluppo è affidato a coloro che lavoreranno bene e la Cisl Fp vuole lavorare con costoro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento