menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20100709063034_assemblea2

20100709063034_assemblea2

Della Gatta: 'Buon governo locale per far ripartire l'economia'

Caserta - "La crisi è passata, anche se qli effetti della congiuntura negativa si stanno facendo ancorasentire. Ora però non è più tempo di recriminare, ma di guardare avanti. E di chiedere epretendere dalla politica, dalle istituzioni un diverso...

"La crisi è passata, anche se qli effetti della congiuntura negativa si stanno facendo ancorasentire. Ora però non è più tempo di recriminare, ma di guardare avanti. E di chiedere epretendere dalla politica, dalle istituzioni un diverso passo, sincronizzato con la velocità deimutamenti e le aspettative del mondo delle imprese".La relazione del presidente Antonio Della Gatta alle assise annuali degli industriali di Terradi Lavoro per gli adempimenti statutari di bilancio è cautamente improntata all'ottimismo, madecisa nei toni quando si tratta di reclamare maggiore attenzione e responsabilità dalla classepolitica.
Nonostante un accentuato processo di desertificazione delle grandi fabbriche - sottolineaDella Gatta - la provincia di Caserta resta una delle più industrializzate del Mezzogiorno. "Maci sono ancora molte iniziative ferme al palo", aggiunge. Occorre perciò agire in fretta per farripartire l'economia. Gli industriali non chiedono misure occasionali o straordinarie. Ma neancheslogan: "Occorre, invece, una buona amministrazione a livello locale", dice il numero uno degliindustriali casertani. E "le tanto attese riforme, sia a livello nazionale che regionale" per evitaresperperi che alimentano soltanto sacche improduttive, clientelari e parassitarie, ma che nongenerano valore aggiunto.
Che fare, allora? Si chiede il presidente degli industriali. "Bisogna far ripartire l'economia",afferma. Della Gatta chiede "alla Regione e alla Provincia di rendere operativi e decisionalii tavoli istituzionali prodromici alla reindustrializzazione, alle bonifiche, alla realizzazionedell'aeroporto di Grazzanise, al rilancio della logistica". Chiede ancora di far ripartire leopere iniziate e bloccate (dal Policlinico all'Interporto) e di rendere operativi gli accordi diprogramma abbandonati (è il caso di Impreco) o che aspettano ancora il disco verde (ex3M)."Ci sono molte cose da fare", ribadisce Della Gatta, "che già cominciandole a fare potremmodare sicuro fiato alla nostra economia", iniziative che da sole "potrebbe generare molti posti dilavoro, addirittura diverse migliaia".

Il presidente degli industriali, infine, ricorda alla platea le numerose iniziative che il sistemaassociativo locale ha messo in campo per sostenere le aziende nell'ultimo e difficile anno: dalprogetto Garanzia d'Impresa (un fondo capace di generare un volume creditizio di 30 milioni dieuro) per sostenere l'accesso al credito, allo Sportello Equitalia presso la sede, dalle iniziativeper la Legalità alla creazione del Distretto industriale energetico, dal patto formativo della filierabufalina al protocollo con il Consiglio notarile per la consulenza alle aziende.
La relazione è stata sottolineata da un convinto applauso da parte dei numerosi industrialiintervenuti, i quali hanno poi all'unanimità anche approvato i bilanci consuntivo e preventivodell'associazione datoriale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento