menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20100319064546_patto2

20100319064546_patto2

Lesperienza notarile al servizio delle Pmi: via al protocollo

Caserta - Nell'ambito delle iniziative avviate a sostegno delle piccole e medie imprese, Confindustria Caserta recepisce il protocollo d'intesa sottoscritto a livello nazionale dalla Piccola Industria e dal Consiglio del Notariato, per rendere...

Nell'ambito delle iniziative avviate a sostegno delle piccole e medie imprese, Confindustria Caserta recepisce il protocollo d'intesa sottoscritto a livello nazionale dalla Piccola Industria e dal Consiglio del Notariato, per rendere l'applicazione di alcune normative più vicine alle esigenze delle piccole imprese e per supportarle nelle scelte strategiche che interessano l'operatività aziendale.
In forza di questo accordo, infatti, si prevede di dare avvio a un'attività di consulenza gratuita sulle tematiche di interesse comune, con riguardo in particolare alla capitalizzazione delle aziende, alla crescita dimensionale e al passaggio generazionale.
I punti del protocollo d'intesa sono stati illustrati nel corso di un incontro che si è svolto oggi pomeriggio presso la sede di Confindustria Caserta.
Introdotto dal presidente degli industriali, Antonio Della Gatta, al convegno sono intervenuti il presidente della Piccola Industria, cavaliere del lavoro Stefania Brancaccio, la quale ha illustrato "le opportunità del protocollo d'intesa"; ed il notaio Pasquale Liotti, che invece ha affrontato il tema: "L'esperienza notarile al servizio della Piccola industria".
Le conclusioni sono state tirate dal presidente del Consiglio Notarile di Santa Maria Capua Vetere, Alessandro De Donato.
Con l'accordo sottoscritto da industriali e notai è stato, nella sostanza, avviato un rapporto di collaborazione volto ad elaborare soluzioni che favoriscano concretamente, tanto più in un momento così difficile per l'economia, quelle iniziative utili a massimizzare il sostegno alle piccole e medie imprese, e a rendere più rapida ed efficace la ripresa.

"Nel dettaglio - ha sottolineato Stefania Brancaccio - l'accordo prevede un'attività di consulenza istituzionale gratuita sul territorio, attraverso incontri organizzati dall'associazione datoriale e dal Consiglio notarile per approfondire, appunto, tematiche di interesse comune". E' il caso, per esempio, della scelta del tipo societario, oppure della consulenza giuridica in caso di ricorso al credito ipotecario, o anche la regolamentazione relativa alla continuità d'impresa, alle soluzioni interpretative e innovative a norme specifiche sull'impresa. "Dobbiamo ipotizzare corsi di formazione comune", ha sottolineato De Donato, "tale che ne derivi un arricchimento reciproco".La collaborazione, inoltre, è finalizzata a identificare proposte e o modifiche normative specifiche relative a "momenti" importanti nella vita delle imprese. "Uno dei punti sicuramente importanti - ha sottolineato il notaio Liotti - è quello relativo al passaggio generazionale o la crescita dimensionale dell'azienda". Ma bisogna - è stato sottolineato un po' da tutti i presenti - anche puntare ad ottenere una legislazione a misura della piccola industria. In questo caso, l'esempio concreto consiste nel dare più funzionalità alla norma sui patti di famiglia, intervenendo sul tema dei diritti successori e semplificando le procedure per le fusioni aziendali. O anche lo sfruttamento di tecnologie informatiche e telematiche già a disposizione del Notariato e che sono poste a favore delle piccole e medie imprese. E il caso del servizio di conservazione a norma dei documenti.Industriali e notai hanno già individuato, come periodo per dare inizio alle attività di consulenza sul territorio, la seconda metà del mese di aprile, con un primo incontro individuato sul tema: "Segregazione del patrimonio personale dell'imprenditore"; cui ne seguirà immediatamente un altro sul difficile momento del "Passaggio generazionale in azienda".
Gli incontri, che saranno articolati nella forma di dibattito, saranno gratuiti ed aperti non solo alle aziende associate al sistema Confindustria, ma a tutti gli imprenditori e ai notai della provincia di Caserta.Tra i rappresentanti delle aziende intervenute da segnalare la presenza del vice presidente di Confindustria Caserta Luciano Morelli e del componente del Comitato Piccola Industria di Confindustria Caserta, Giovanni Bo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento