menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20091005134447_marzano_francesco

20091005134447_marzano_francesco

Turismo congressuale, Caserta ospita i big operator del settore

Caserta - Prende il via oggi, giovedì 11 marzo, nelle due maggiori strutture ricettive della città, la tre giorni della Terza Convention Nazionale di Federcongressi, la federazione delle associazioni della "meeting & incentive industry" che...

Prende il via oggi, giovedì 11 marzo, nelle due maggiori strutture ricettive della città, la tre giorni della Terza Convention Nazionale di Federcongressi, la federazione delle associazioni della "meeting & incentive industry" che operano in Italia.
L'evento, che vede coinvolgi 400 tra i maggiori operatori italiani del settore, è stato fortemente voluto e organizzato da Confindustria Caserta con il coinvolgimento e l'impegno economico di cinque aziende associate alla Sezione Turismo e industria alberghiera. E cioè: Grand Hotel Vanvitelli, Crowne Plaza Caserta, Studioesse, Angelica Real Sito e Caserta Incoming by Reggia Travel. "Le ragioni di questa iniziativa - sottolinea Francesco Marzano, consigliere di giunta e delegato al settore nell'ambito dell'associazione datoriale - si spiegano con l'analisi del trend delle presenze e degli arrivi a Caserta nell'ultimo biennio, i quali indicano chiaramente che gli incrementi registrati si rapportano in maniera diretta allo sviluppo del turismo congressuale e/o legato alle manifestazioni sportive, con la possibilità di ulteriori e significativi margini di crescita. Dunque, quale migliore occasione, per il comparto, quello di ospitare le massime assise nazionali degli operatori del ramo. Per le aziende che se ne sono fatte carico - ha aggiunto Marzano - essendo market oriented, si tratta, in ultima analisi, di un grande spot pubblicitario, che ripagherà probabilmente il notevole sforzo economico sostenuto".
E ripagherà non solo le aziende, è appena il caso di sottolineare. La celebrazione della Terza Convention nazionale di Federcongressi, infatti, non mancherà di dare lustro anche all'immagine della città, che potrà mettere in mostra i propri gioielli monumentali, artistici ed enogastronomici". E in questo senso, anzi, la tiepidezza "partecipativa" mostrata nella circostanza dalle istituzioni ed enti economici locali la dice lunga sulla capacità di analisi della classe dirigente di questa provincia di saper cogliere le dinamiche di sviluppo più significative per lo sviluppo del settore turistico e del territorio.
"La candidatura di Caserta per ospitare la Terza convention nazionale di Federcongressi - ricorda Massimiliano Santoli, presidente dei giovani imprenditori di Confindustria Caserta e titolare di Studioesse - fu avanzata dalla nostra associazione un anno fa, battendo la concorrenza di location più famose e con strutture congressuali e una tradizione turistica molto più radicata della nostra. Questo risultato, però, insegna pure che, a dispetto della crisi e della miopia delle istituzioni, ma soprattutto facendo gruppo, i risultati si possono cogliere".
Nata nel 2004 per dare voce e rappresentanza a un settore di grande rilievo economico in termini di fatturato, di occupazione e di indotto generato, Federcongressi è composta da sei importanti associazioni del settore: AIMP (Associazione italiana meeting planner - Professionisti dei convegni, aderente a Confturismo-Confcommercio), Apicef (Associazione professionisti e imprese congressi e fiere), Italcongressi-PCO Italia (Associazione nazionale imprese dell'industria congressuale, aderente a Federturismo-Confindustria), Meet in Italy (network delle località congressuali italiane), MPI Italia (capitolo italiano di Meeting Professionals International) e Site Italy (capitolo italiano della Society of Incentive Travel Executives).

Con l'intento di rappresentare presso enti e istituzioni l'industria del turismo che muove intorno alla convegnistica, Federcongressi ha tra i suoi scopi anche quello di studiare forme di promozione dell'Italia congressuale all'estero, oltre che di favorire una nuova normativa di settore, sostenere la qualificazione delle risorse professionali e patrocinare studi e analisi di comparto.
A tal fine, anzi, è bene sottolineare che la convention di Caserta si aprirà con l'Assemblea straordinaria dei delegati chiamata all'approvazione del nuovo Statuto oltre che ad esplorare, anche con illustri contributi esterni, il tema dei "talenti" - vale a dire: delle risorse umane inteso come fattore distintivo per la generazione di valore - e, dunque, della loro ricerca, individuazione e valorizzazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Attualità

Una alunna positiva al coronavirus: tornano in Dad due classi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento