menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20100217062025_Coluccio

20100217062025_Coluccio

Polizia, Coluccio (Consap): 'Disagi ai commissariati di Marcianise e Castel Volturno'

Caserta - "E' passato un anno e i colleghi del Commissariato di Marcianise (CE) continuano a lavorare sempre nella stessa struttura, eppure è passato oltre un anno da quando la Consap di Caserta chiedeva a gran voce a chi di competenza di prendere...

"E' passato un anno e i colleghi del Commissariato di Marcianise (CE) continuano a lavorare sempre nella stessa struttura, eppure è passato oltre un anno da quando la Consap di Caserta chiedeva a gran voce a chi di competenza di prendere seri ed urgenti provvedimenti, onde evitare che i colleghi continuassero a lavorare senza nessuna tutela in materia di sicurezza sul lavoro.
Cosa è successo a distanza di un anno??
Nulla! Già, nulla, perché quando si tratta di tutelare i lavoratori di Polizia lo Stato fa poco o nulla, anzi, per lo più continua a spendere soldi, come nel caso del Commissariato di Marcianise, in una struttura dove le norme in materia di sicurezza del lavoratori sono del tutto aleatorie.
E non solo per il personale che vi presta servizio, che puntualmente, visto l'esiguo numero rimasto, salta il turno di notte, basti pensare all'abbattimento delle barriere architettoniche che, pur previsto per Legge, rappresenta un'utopia per il Commissariato di Marcianise , dove una sorta di lastra di acciaio, che nelle intenzioni di chi l'ha collocata dovrebbe facilitare l'ingresso ai disabili è impraticabile perché non opportunamente attaccata al suolo, per cui, se un disabile con carrozzina dovesse salirci, probabilmente andrebbe incontro ad un incidente con conseguenti danni fisici.
Giusto non farci passare nessuno, quindi, ma non sarebbe più giusto e rispettoso della Legge porvi rimedio, così da consentire al disabile, che non è cittadino di serie "B", di accedere al Commissariato?
Si è parlato tanto di spostare il Commissariato in una nuova sede che il Comune avrebbe dovuto fornire alla Polizia, che nel 2007 aveva già messo a bilancio e che la nuova Giunta Comunale non ha mai applicato, per evitare che questo chiudesse?. Ma anche questa ipotesi è passata, caduta nel nulla, nel dimenticatoio delle promesse non mantenute, come tante altre, "tanto - deve pensare qualcuno in alto - i Poliziotti sono comunque costretti ad andare a lavorare, in qualsiasi condizione, anche comprandosi di tasca propria la carta e le penne per scrivere, perché mica possono scioperare per i loro diritti!?".
Ma la cosa che più ci sconcerta è che, in questa battaglia di dignità e di legalità, fatta esclusivamente per il bene dei colleghi, siamo clamorosamente ed ostinatamente soli, nel silenzio di chi, evidentemente, ritiene più importante (perché così si ottiene un facile consenso) "sistemare" un paio di situazioni personali, tanto a fare sindacato, a beneficio di tutti, entrando in contrasto con la dirigenza, ci pensa la Consap !
Già, peccato che il dovere di un sindacato dovrebbe essere quello di lottare per i diritti dei colleghi, non fare iscritti, a qualsiasi costo!! Ma questa è un'altra storia?.
La "storia" (brutta) che affrontiamo oggi è quella che riguarda Il Commissariato di Marcianise, che sopravvive in una situazione di campo rom, dove ognuno si è attrezzato al meglio pur di lavorare e non venir meno al proprio dovere, perché - ricordiamolo a chi "comanda" - Noi siamo Poliziotti , orgogliosi di esserlo, anche quando tutto è contro di noi.
Mentre il resto del Paese guarda, seppur con apprensione, al futuro ed il calendario indica che siamo nel 2010, qui abbiamo strutture che ricordano quelle degli anni 50, e non esageriamo, anzi, siamo pure buoni nel definirle cosi, perché anche mezzo secolo fa sarebbero state fatiscenti.
Parliamo della Questura di Caserta, luogo dove i Poliziotti lavorano "uno sopra l'altro", perché il numero degli operatori, com'è giusto che sia, aumenta in relazione all'accrescere delle esigenze alle quali far fronte, ma il luogo di lavoro è sempre quello, una struttura del XVI° secolo, (altro che anni "50). Perfino la fognatura è di quel secolo, (con quel che consegue in materia di igiene) anche se uno spiraglio ci è stato dato, o meglio, una promessa che sarebbero iniziati i lavori per una idonea fognatura dei giorni nostri. Già, ma quando??
E vogliamo parlare del Commissariato di Castel Volturno?? Da anni c'è la promessa che dovrebbe passare in una nuova struttura, confiscata alla criminalità e gia predisposta per la sede che dovrebbe accogliere ma ?che fine ha fatto quella struttura?? I colleghi di Castelvolturno, oltre che ai delinquenti, sono costretti a fare la caccia ai topi che giornalmente infestano il Commissariato E' vero, siamo tutti vaccinati, ma che vergogna!!.

Ma ciò che è davvero vergognoso è che stiamo nuovamente denunciando una situazione notissima, immutata da anni, e che oggi siamo costretti a pubblicizzarla, cari colleghi e concittadini, perché è opportuno che tutti sappiano quali sono le condizioni nelle quali operiamo, nel disinteresse delle istituzioni.
Continuare solo a parlarne è, purtroppo, sforzo inutile: è arrivato il tempo di squarciare il velo dietro il quale questa verità scomoda è stata sempre pietosamente celata: a chi dovesse criticarci strumentalmente, perché "i panni sporchi si lavano in famiglia" risponderemo che, per troppi anni, qui nessuno ha lavato niente e? si vede!"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
  • Incidenti stradali

    Scooter contro auto, muore ragazzo di 17 anni

  • Cronaca

    Arrestato il consigliere comunale Danilo D'Angelo

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento