menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20100116073651_Insorgenzacivile

20100116073651_Insorgenzacivile

'No a pedaggio tangenziale', manifestazione 'Insorgenza civile' al centro direzionale

Napoli - Sono stati numerosi ieri mattina i napoletani che hanno partecipato alla manifestazione di Insorgenza civile contro il pedaggio della Tangenziale, che si è svolta questa mattina sotto la sede della società, al Centro Direzionale. "Grazie...

Sono stati numerosi ieri mattina i napoletani che hanno partecipato alla manifestazione di Insorgenza civile contro il pedaggio della Tangenziale, che si è svolta questa mattina sotto la sede della società, al Centro Direzionale. "Grazie al nostro lavoro, sempre più cittadini e sempre più organi d'informazione stanno venendo a conoscenza dell'anomalia "tangenziale di Napoli". Cioè l'unica Tangenziale a pagamento d'Italia. I napoletani non debbono pagare questa occulta tassa sulle loro spalle: i soldi dei napoletani debbono restare a Napoli" spiega il presidente di Insorgenza, Nando Dicè.

" La Tangenziale di Napoli con i suoi 6milioni di euro al mese di guadagno che non vengono investiti sul territorio partenopeo dimostra due cose. Che la questione meridionale continua perché continua è l'opera di impoverimento del sud e di drenaggio di soldi da parte dello Stato nei confronti del meridione per gli investimenti al nord - aggiunge il vicepresidente di Insorgenza Civile - e che il federalismo fiscale di questo governo è un'ulteriore truffa a danno dei meridionali".
"La tangenziale di Napoli è l'emblema di come far "funzionare" la questione meridionale a danno dei meridionali - concludono - Prendere al sud per spendere al nord, spacciando per verità il contrario è una strategia che Insorgenza combatte da tempo".Insorgenza due giorni fa è stata convocata a un tavolo del Comune di Napoli per trovare una soluzione dopo l'ennesimo aumento del pedaggio dell'asse urbano. Ma la battaglia del movimento, che ha già raccolto 4000 firme per una petizione rivolta al ministro Matteoli, continua. Prossimo appuntamento con volantinaggio e raccolta firme il 23 gennaio, a Piazzetta Augusteo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

social

Un grave lutto colpisce il pizzaiolo Francesco Martucci

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento